Home | Tempo d'Europa | Il Tribunale UE si prepara all’arrivo di nuovi membri
Tribunale UE

Il Tribunale UE si prepara all’arrivo di nuovi membri

Lussemburgo, 3 maggio 2016. Il testo recante riforma, in tre fasi successive, dell’architettura giurisdizionale della Corte di giustizia dell’Unione europea prevede, in un primo tempo, che dodici nuovi giudici saranno nominati presso il Tribunale dell’Unione europea e, in un secondo tempo, che sette altri giudici aderiranno a quest’ultimo in ragione dell’integrazione dei posti dell’attuale Tribunale della funzione pubblica, portando il numero dei membri del Tribunale dell’UE a 47 alla data del 1° settembre prossimo. La terza fase consisterà nel nominare nove giudici in più nel 2019.

Al fine di preparare l’arrivo di 19 nuovi giudici, il Tribunale ha adottato una serie di misure destinate a garantire al singolo un controllo giurisdizionale di primo grado rapido, approfondito e coerente. Da un punto di vista strutturale, il modello applicato sarà quello di un Tribunale organizzato in nove sezioni composte da cinque giudici, che possono riunirsi ciascuna in due collegi a tre giudici presidiati dal presidente della sezione a cinque giudici.

La nuova struttura prenderà effetto in settembre. Nel frattempo, i dodici nuovi giudici saranno transitoriamente integrati nell’attuale. La nuova struttura:

– per il fatto di essere sufficientemente coesa, preserverà la coerenza del sistema conservando il collegio a tre giudici come collegio giudicante ordinario;

– faciliterà il rinvio delle cause a collegi a cinque giudici e la sostituzione di giudici colpiti da impedimento nell’ambito della stessa sezione;

– attribuirà ai presidenti di sezione un ruolo rafforzato nel coordinamento e nella coerenza giurisprudenziale.

Infine, secondo la proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al trasferimento al Tribunale dell’Unione europea della competenza a decidere, in primo grado, sulle controversie tra l’Unione e i suoi agenti a partire dal 1° settembre 2016 (attualmente in corso di esame da parte del legislatore), tutte le cause in materia di funzione pubblica, trasferite dal Tribunale della funzione pubblica al Tribunale dell’Unione europea, saranno trattate nello stato in cui si trovano a tale data e potranno essere oggetto di un’impugnazione dinanzi alla Corte di giustizia. Prossimamente saranno sottoposte all’approvazione del Consiglio alcune proposte di modifica del regolamento di procedura del Tribunale destinate a dotare quest’ultimo di un quadro processuale appropriato per il trattamento in primo grado delle controversie tra l’Unione europea e i suoi funzionari e agenti.

Iscriviti alla Newsletter (16713)

Guarda anche...

Tribunale UE

Il Tribunale UE su irricevibilità della richiesta di gratuito patrocinio

Lussemburgo, 4 maggio 2016. Il 13 aprile scorso, il Presidente del Tribunale dell’Unione europea ha …

Tribunale-UE-di-Lussemburgo

Tribunale UE annulla tre bandi di concorso: no a scelta solo tra francese, inglese o tedesco come seconda lingua e per comunicazione con l’EPSO

Lussemburgo, 24 settembre 2015. Nei mesi di dicembre 2012 e gennaio 2013, l’Ufficio europeo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi