Home | In Cultura | Discantus, il Festival internazionale di musica ed estetica contemporanea
Wilfried-Hiller

Discantus, il Festival internazionale di musica ed estetica contemporanea

Il Teatrino di Palazzo Grassi presenta Discantus, il Festival internazionale di musica ed estetica contemporanea giunto alla sua quarta edizione, ospitando venerdì 6 e sabato 7 maggio 2016 due serate di concerti, preceduti da conferenza introduttiva, per riflettere sulla musica e sul suo rapporto con la contemporaneità.

Nel corso della rassegna si discuterà l’opera di alcuni dei principali compositori d’avanguardia, attraverso l’ascolto dei loro lavori – eseguiti da interpreti di alto livello – e il dialogo con gli spettatori, mirando a esplorare e condividere la musica contemporanea e di ricerca con il più ampio pubblico possibile, con particolare attenzione ai più giovani.

Il programma di quest’anno vedrà come primo ospite, venerdì 6 maggio alle ore 19.15, il compositore veneziano Giovanni Mancuso. La serata, dal titolo “Arcipelago Continuo”, sarà dedicata al ruolo della città di Venezia nella musica contemporanea e inizierà con una conferenza introduttiva a ingresso gratuito, cui parteciperanno, oltre a Giovanni Mancuso, il filosofo e ricercatore musicale Nicolò Cristante e Daniele Goldoni, professore di Estetica presso l’Università Cà Foscari.

Seguirà un concerto con musiche di Bruno Maderna, Ernesto Rubin De Cervin e Giovanni Mancuso, interpretate dallo stesso Mancuso al pianoforte e da Cecilia Vendrasco ai flauti.

Sabato 7 maggio, sempre dalle ore 19.15, il Teatrino avrà come ospite il compositore tedesco Wilfried Hiller, che presenterà per la prima volta in Italia le sonate per violino e pianoforte “Der Tod ist eine schöne Frau”, una riflessione sul proprio sodalizio artistico con la scultrice bavarese Antje Tesche Mentzen.
Il concerto sarà preceduto da una conferenza introduttiva che vedrà un dialogo tra il compositore e la scultrice. Le musiche di Wilfried Hiller saranno eseguite da Franziska Strohmayr (violino) e Lika Bibileishvili (pianoforte). Di grande interesse saranno alcune delle opere pianistiche eseguite, in particolare “Die Glocken von Santa Maria dei Carmini“ e “Orgheluse, Tanz am Rande des Abgrunds“ omaggi di Hiller alla città di Venezia, che contegono al proprio interno dei suggestivi riferimenti all’opera di Sinopoli, finora mai suonati nel nostro paese.

Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce calendario.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

sandro-veronesi

Sandro Veronesi: ‘Non dirlo. Il Vangelo di Marco’ in scena al Teatrino di Palazzo Grassi

Il Teatrino di Palazzo Grassi presenta, sabato 21 maggio alle ore 19.30, uno speciale appuntamento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi