Home | In Attualità | Londra, rifiuta i tacchi alti e perde il lavoro: la petizione arriva in Parlamento
tacchi

Londra, rifiuta i tacchi alti e perde il lavoro: la petizione arriva in Parlamento

La petizione che chiede di abrogare le regole di alcune aziende che chiedono alle lavoratrici di portare i tacchi dovrà essere dibattuta al Parlamento: Nicola Thorp, la receptionist licenziata perché si è presentata al lavoro con le scarpe basse, ha raccolto oltre 120.000 firme, e ha largamente superato la soglia necessaria ad aprire un dibattito a Westminster. Lo scrive la stampa britannica.

Nel frattempo, l’azienda per il lavoro interinale Portico, che l’aveva assunta per lavorare ad una prestigiosa società di revisione dei conti, travolta dalle polemiche ha cancellato la regola dei tacchi: le donne possono scegliere se portarli o meno. Su Twitter, intanto, era esplosa una campagna a supporto di Nicole. L’hashtag? #myheelsmychoice, vale a dire: ‘i miei tacchi sono una mia scelta’.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

theresa-may

Alta Corte di Londra: su Brexit deve decidere il Parlamento

L’Alta Corte di Londra ha accolto il ricorso di un gruppo di attivisti pro Ue …

david-bowie

David Bowie diventa una emoji

L’iconico fulmine comparso sul disco Aladdin Sane, pubblicato nel 1973 dall’artista britannico, arriva sulle faccine …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi