Home | Tempo d'Europa | Il settore della musica registrata nell’UE perde 170 milioni di euro ogni anno a causa della pirateria musicale
unione-europea

Il settore della musica registrata nell’UE perde 170 milioni di euro ogni anno a causa della pirateria musicale

Da un nuovo studio dell’Ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) emerge che nel 2014 l’UE ha perso 170 milioni di EUR, vale a dire il 5,2 % di tutte le vendite di musica, a causa della pirateria musicale.

Nel complesso si sono persi 57 milioni di EUR nelle vendite di musica su supporto fisico (ad es. CD) e 113 milioni di EUR in formato digitale, cifre che equivalgono al 2,9 % e all’8,8 % di tutte le vendite di musica nei rispettivi formati.

Lo studio, pubblicato dall’EUIPO attraverso l’Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, analizza le vendite dirette di prodotti musicali del settore a rivenditori al dettaglio nazionali o intermediari. Non rientrano invece nello studio le vendite realizzate dai distributori di musica, come ad esempio le piattaforme online o i rivenditori al dettaglio.

Il Direttore esecutivo dell’EUIPO, António Campinos, ha dichiarato: Il quesito se la pirateria riduca o aumenti le vendite di musica registrata è stato oggetto di numerosi studi, a volte con risultati contraddittori. I risultati del nostro studio sono in linea con l’opinione prevalente e constatano che la pirateria riduce le entrate dell’industria legittima, sia nei formati digitali sia in quelli fisici.

Lo studio si basa su dati dalla Federazione internazionale dell’industria fonografica (IFPI), che rappresenta case discografiche e società di concessione di licenze per la musica in tutto il mondo, e analizza i dati di vendita dei 19 Stati membri in cui è stato realizzato il 99 % di tutte le vendite dell’UE nel 2014.

Germania
Nel 2014, il settore tedesco della musica registrata, di gran lunga il più grande mercato dell’UE, ha fatturato 1,3 miliardi di EUR, di cui il 75 % è stato realizzato con le vendite di musica su supporto fisico (ad es. CD). Le perdite delle vendite nel settore della musica registrata in Germania nel 2014 a causa della pirateria sono state pari a 40 milioni di EUR, metà su supporto fisico e metà in formato digitale.

Regno Unito
Nel Regno Unito, il 52 % di tutte le vendite di musica del 2014 è stato realizzato in formato digitale e il totale delle vendite di musica ha raggiunto la cifra di 1,1 miliardi di EUR. Durante il 2014, il settore britannico della musica registrata ha perso 49 milioni di EUR a causa della pirateria: il 25 % nelle vendite su supporto fisico e il 75 % in quelle in formato digitale.

La Germania e il Regno Unito insieme rappresentano più della metà delle vendite fisiche e digitali nell’UE.

Francia
Nel 2014, le vendite di musica in Francia hanno raggiunto i 700 milioni di EUR, i due terzi dei quali sono stati fatturati con vendite di musica su supporto fisico e un terzo con vendite digitali. Il settore francese della musica registrata ha perso, nello stesso anno, 26,4 milioni di EUR a causa della pirateria, di cui 16 milioni di EUR nelle vendite digitali e 10 milioni di EUR nelle vendite di formati fisici.

Svezia
Le vendite totali di musica in Svezia nel 2014 sono state pari a 167 milioni di EUR, fatturati principalmente con le vendite digitali. Le vendite mancate a causa della pirateria hanno totalizzato 9,1 milioni di EUR, rappresentando il 7,4 % di tutte le vendite di musica, il terzo impatto relativo più elevato nell’UE. Il calo delle vendite nella musica registrata in Svezia ha riguardato quasi interamente i formati digitali, stimati a 8,9 milioni di EUR.

Spagna
In Spagna, nel 2014, il fatturato del settore musicale ha raggiunto i 150 milioni di EUR, con un 58 % di vendite di musica su supporto fisico. Nello stesso anno, a causa della pirateria, l’industria della musica spagnola ha registrato in totale 9,1 milioni di EUR di perdite: 2,6 milioni di EUR su supporto fisico e 6,4 milioni di EUR in formato digitale. L’effetto relativo della pirateria in Spagna è il più elevato di tutta l’UE e rappresenta l’8,2% delle entrate del settore musicale.

Italia
Nel 2014, l’industria musicale in Italia ha generato 200 milioni di EUR, di cui il 39 % in vendite digitali. Sempre nel 2014, il settore italiano della musica registrata ha perso 7,8 milioni di EUR a causa della pirateria: 3 milioni di EUR nelle vendite su supporto fisico e 4,7 milioni di EUR in quelle digitali.
Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

Parlamento europeo

Il positivo contributo della proprietà intellettuale all’economia europea

Monaco di Baviera/Alicante, 25 ottobre 2016 – L’Ufficio europeo dei brevetti (UEB) e l’Ufficio della …

unione-europea

Annunciati i finalisti dei premi DesignEuropa e il vincitore del premio alla carriera

Oggi sono stati resi noti i finalisti dei premi DesignEuropa per le categorie Industria e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi