Home | Tempo d'Europa | EMCDDA mette in evidenza i nuovi rischi per la salute
Bandiera Europa

EMCDDA mette in evidenza i nuovi rischi per la salute

Il mercato Europeo della droga resta resiliente, sostiene l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA) lanciando a Lisbona la sua Relazione europea sulla droga 2016: tendenze e sviluppi. Nella sua relazione annuale, l’agenzia europea mette in evidenza: i rischi per la salute dei prodotti di elevata potenza; la continua comparsa di nuove sostanze e il variare dei modelli di consumo di stupefacenti. Esprime altresì preoccupazione per gli aumenti dei decessi per overdose in alcuni paesi e per le minacce poste dai mercati della droga su Internet. “Questa nuova analisi evidenzia la necessità che l’agenda politica europea in materia di droga contempli un insieme di indicazioni politiche di più ampio raggio e più articolate rispetto al passato”, sostiene la relazione.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

clima

Clima: “467mila morti l’anno in Europa”

Nonostante la qualità dell’aria in Europa stia migliorando, l’inquinamento atmosferico resta il principale fattore ambientale …

piante-parassiti

Salute delle piante: nuove norme comunitarie per prevenire la diffusione dei parassiti

Nuove norme comunitarie per aiutare a prevenire in Europa la diffusione dei parassiti nelle piante, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi