Home | In Cultura | Alla Triennale dell’Arte di Verona la Barbie tumefatta, per denunciare la violenza sulle donne
barbie

Alla Triennale dell’Arte di Verona la Barbie tumefatta, per denunciare la violenza sulle donne

Alla Triennale dell’Arte Contemporanea di Verona sarà presente in anteprima l’opera “Beaten Barbie – Mai più violenza sulle donne”, dell’artista Lady Be, per far riflettere le persone che guardano l’opera sull’ importante ed attuale argomento della violenza sulle donne.

Grazie alla sua particolare tecnica, l’artista, ricostruisce il volto di una Barbie picchiata, piena di ematomi e di ferite. Molti considerano la donna una bambola da trattare come un giocattolo e da “buttar via” o maltrattare quando ci si è stufati di lei. Sull’opera compaiono molti volti, a voler simboleggiare le numerose donne costrette a subire ogni giorno violenza, volti pieni di ematomi, cicatrici, cerotti con labbra gonfie e sanguinanti. Altri elementi che compaiono, sono proprio i pugni e le mani degli uomini, strumenti utilizzati per castigare la donna indifesa ed impaurita. Questa opera vuole essere un vero manifesto dell’arte.

Arte che si affianca alla lotta che ogni giorno viene fatta da associazioni che stanno vicine alle donne che hanno subito violenza. E’ stata scelta l’icona della Barbie perché è un simbolo associato alla donna da circa 60 anni, universalmente riconosciuto. Nell’opera di Lady Be, caratterizzata proprio dall’utilizzo di giocattoli di plastica, la Barbie tipicamente perfetta nella sua bellezza artificiale, viene umanizzata dai segni che la violenza lascia sul suo corpo, non più di plastica. Beaten Barbie non è solo un’opera d’arte, è un quadro della situazione che oggi il mondo vive e l’artista Lady Be presenterà in anteprima questa sua opera durante la Triennale dell’Arte Contemporanea che si terrà a Verona dal 9 al 12 Giugno del 2016. La violenza maschile sulle donne assume molteplici forme e modalità, sebbene la violenza fisica sia la più facile da riconoscere, esiste anche la violenza sessuale, psicologica ed economica. Non esiste un profilo della donna-tipo che subisce violenza. Il tema della violenza sulle donne è purtroppo un tema di cui oggi si parla molto. Secondo i dati dell’Istat (aggiornati al giugno scorso e relativi al 2014), sono 6 milioni e 788mila le donne che hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni. Praticamente una donna su tre. Il 20,2% è stata vittima di violenza fisica, il 21 %di violenza sessuale, il 5,4% di forme più gravi di abusi come stupri (si parla di 652mila casi) e tentati stupri (746mila).

Mentre a rendersi responsabili delle molestie sono nella maggior parte dei casi (il 76,8%) degli sconosciuti, il 62,7% degli stupri è commesso da un partner attuale o precedente. Il 10,6% delle donne ha subìto violenze sessuali prima dei 16 anni.

Triennale dell’arte Contemporanea 9-12 Giugno 2016 Palaexpo Viale del Lavoro 8 37135 Verona

Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

rete-insulti-alla-boldrini

Laura Boldrini: basta con gli insulti in rete

“Chi è che si deve vergognare, io o loro? Lo stigma deve passare da chi …

Marilyn Manson

Marilyn Manson in concerto a Roma e Verona

Marilyn Manson tornerà in Italia la prossima estate per due appuntamenti live. L’artista statunitense sarà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi