Home | In Attualità | Carneficina in Florida: 50 morti e 53 feriti
strage-florida

Carneficina in Florida: 50 morti e 53 feriti

Un uomo armato ha fatto irruzione alle due di notte in un locale gay ad Orlando in Florida, e ha cominciato a sparare all’impazzata uccidendo 50 persone e ferendone 53, secondo gli ultimi dati forniti dalla polizia. L’uomo, armato di un fucile d’assalto e di un “altro tipo di ordigno” si era barricato dentro al “Pulse” con degli ostaggio ma è stato ucciso dalla polizia. L’Fbi – afferma la Cnn citando fonti dell’agenzia federale – sta indagando su possibili legami tra la strage e il terrorismo islamico.

Il killer sarebbe stato identificato: si chiama Omar Mateen, trentenne americano, di origine afghane. Secondo il padre, il movente della strage è l’odio contro i gay. “Il movente religioso non c’entra nulla, ha visto due gay che si baciavano a Miami un paio di mesi fa ed era molto arrabbiato”, ha detto Mir Seddique. “Siamo scioccati come il resto dell’America”, ha aggiunto.

Iscriviti alla Newsletter (16493)

Guarda anche...

siria

Siria, Idlib bombardata con il gas: “Strage di bambini”

Save the Children è attonita di fronte a quelli che sembrano essere una serie di …

sanremo-2017

Sanremo 2017: sul palco Gaetano Moscato, sopravvissuto all’attentato di Nizza

Per la rubrica “Tutti cantano Sanremo” sul palco Gaetano Moscato il nonno eroe che durante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi