Home | Tempo d'Europa | La giornata mondiale del Rifugiato
giornata-mondiale-del-Rifugiato

La giornata mondiale del Rifugiato

I rifugiati e i richiedenti asilo abbandonano le proprie terre per mettere in salvo la loro vita e, molto spesso, quella dei loro famigliari, fuggendo da guerre, persecuzioni, conflitti, torture e povertà. Da sedici anni, il mondo dedica la giornata del 20 giugno al ricordo dei diritti di chi è costretto a cercare rifugio in un Paese diverso dal proprio. Guarda la nostra infografica per saperne di più sull’evoluzione delle domande di asilo dal 2010 al 2015.

A parlare sono anche i numeri: solamente nel corso del 2015, oltre un milione di persone (precisamente, 1.015.078) sono arrivate nell’Unione europea percorrendo la rotta del Mediterraneo. Di queste, 3771 sono disperse o morte: una media di circa 10 persone ogni giorno.

Il 32% sono bambini, il 19% donne. Il flusso più consistente arriva dalla Siria (38%). Sempre nel 2015, sono state 1.321.600 le persone che hanno fatto domanda di asilo nell’Ue ai sensi della Convenzione di Ginevra.

Chi sono i rifugiati?
– La condizione di rifugiato è definita dalla convenzione di Ginevra del 1951, un trattato delle Nazioni Unite firmato da 147 Paesi. Un rifugiato è una persona che, temendo a ragione di essere perseguitato per motivi razza, religione, nazionalità, opinione politica o appartenenza a un determinato gruppo sociale, è costretto a cercare rifugio in un Paese diverso dal proprio e non può o non vuole, a causa di tale timore, avvalersi della protezione di tale Paese.

– Secondo L’UNCHR, uno dei principi fondamentali stabiliti dal diritto internazionale per i rifugiati precisa che i rifugiati non devono essere espulsi o rimpatriati verso Paesi dove la loro vita e la libertà sarebbero minacciate.

Chi sono i richiedenti asilo?
Il diritto di asilo consiste nel diritto di una persona a essere riconosciuta come rifugiato e ricevere protezione legale e assistenza materiale. Un richiedente asilo deve dimostrare la fondatezza del suo timore di persecuzione nel paese d’origine.

Iscriviti alla Newsletter (16713)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi