Home | In Attualità | Sale potere acquisto famiglie italiane
istat

Sale potere acquisto famiglie italiane

Il potere d’acquisto delle famiglie è aumentato dell’1,1% nel primo trimestre del 2016 rispetto al precedente trimestre. Lo rileva l’Istat, spiegando che sull’aumento si riflette anche la dinamica dei prezzi: il “deflatore implicito dei consumi delle famiglie è sceso in termini congiunturali dello 0,3%”, ricorda l’Istituto. Su base annua la capacità di spesa sale del 2,3%, il rialzo maggiore dal secondo trimestre del 2007, ovvero prima del deflagrare della crisi.

In risalita anche la propensione al risparmio delle famiglie, ovvero il rapporto tra quanto messo da parte e il reddito disponibile (al lordo), nel primo trimestre 2016 che risulta all’8,8%, con rialzi di 0,8 punti percentuali sul trimestre precedente e di 0,7 punti su base annua. “L’aumento congiunturale della propensione al risparmio deriva da una crescita del reddito disponibile delle famiglie consumatrici (0,8%) a cui ha corrisposto una stabilità della spesa per consumi finali”, spiega l’Istituto di statistica.

Nel primo trimestre del 2016, fa sapere ancora l’Istat, la pressione fiscale è stata pari al 38,9%, segnando una riduzione di 0,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Scende anche, conclude l’Istat, il deficit-Pil dell’Italia nel primo trimestre del 2016 al 4,7%, “in miglioramento” di 0,5 punti percentuali su base annua. Dalle tabelle dell’Istituto risulta essere il valore più basso, in base a confronti tendenziali (gli unici possibili), dal 2000, quando si attestò al -3,0%.

Giugno è il quinto mese di deflazione per l’Italia e vede il calo tendenziale dei prezzi in accelerazione. I dati provvisori dell’Istat, diffusi oggi, mostrano un aumento dello 0,1% dei prezzi al consumo su base mensile e una diminuzione su base annua pari a -0,4% (era -0,3% a maggio). Le dinamiche deflazionistiche sono, secondo l’Istituto di statistica, in gran parte riconducibili all’ampio calo dei prezzi dei beni energetici(-7,5% rispetto a giugno 2015), sebbene meno intenso di quello registrato a maggio.

Iscriviti alla Newsletter (16711)

Guarda anche...

deflazione

Ad ottobre l’Italia torna in deflazione

Ad ottobre l’Italia torna in deflazione con un calo dei prezzi dello 0,2% su base …

produzione-lavoro

Italia indietro in Europa per produttività lavoro

Italia indietro in Ue sul fronte della produttività del lavoro. Lo rileva l’Istat, spiegando che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi