Home | Cinema | Nastri d’Argento 2016: vincono Paolo Virzì, Paolo Genovese e Gabriele Mainetti
nastri-dargento-2016

Nastri d’Argento 2016: vincono Paolo Virzì, Paolo Genovese e Gabriele Mainetti

Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese, commedia dell’anno, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti miglior esordio e, a due anni dai premi per Il capitale umano è ancora una volta Paolo Virzì con La pazza gioia il regista del miglior film ai Nastri d’Argento 2016 che premia anche le sue attrici, Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti, la sceneggiatura scritta dal regista con Francesca Archibugi e i costumi di Catia Dottori.

Stefano Accorsi ottiene il Nastro come miglior attore protagonista per Veloce come il vento. Questo solo parte del Palmares della 70esima edizione dei Nastri d’Argento, i premi del Sindacato Giornalisti Cinematografici che verranno consegnati stasera al Teatro Antico, una cerimonia, con madrina Matilde Gioli, che andrà in onda su Raiuno il 23 luglio e anticipata il 6 da uno speciale su Rai Movie.

Tra gli altri premi, Jeeg Robot vince anche con il miglior attore non protagonista, Luca Marinelli. Greta Scarano è migliore attrice non protagonista per Suburra. Perfetti sconosciuti vince con la canzone, interpretata da Fiorella Mannoia e, soprattutto, con il premio ai sette protagonisti del film, il Nastro collettivo che va a Anna Foglietta, Alba Rohrwacher, Kasia Smutniak, Giuseppe Battiston, Edoardo Leo, Marco Giallini e Valerio Mastandrea. Come già annunciato Non essere cattivo è il film dell’anno, mentre Veloce come il ventocon Matilda De Angelis, Premio Guglielmo Biraghi e Nastro per il montaggio a Gianni Vezzosi. Miglior soggetto dell’anno quello di Io e lei (Ivan Cotroneo, Francesca Marciano e Maria Sole Tognazzi).

Pietro Valsecchi, vince il Nastro come miglior produttore per Chiamatemi Francesco, Quo vado e il contributo con il quale ha sostenuto Non essere cattivo. Suburra è premiato anche per la scenografia di Paki Meduri, vincitore anche per Alaska di Claudio Cupellini. Tra i premi tecnici ottiene altri riconoscimenti il film di Caligari Non essere cattivo, che vince il Nastro anche per il sonoro in presa diretta di Angelo Bonanni e per la fotografia di Maurizio Calvesi, premiato anche per Le confessioni di Roberto Andò. Sono state in tutto 48 le opere prime e 42 le commedie in selezione (a titolo di curiosità, 13 sono state firmate quest’anno da registi esordienti) in quest’edizione che si conclude con un palmarès particolarmente ricco di attori: oltre ai Nastri votati da 100 giornalisti è andato infatti a Carlo Verdone e Antonio Albanese Il ‘Premio Manfredi’ condiviso con la famiglia di Nino e in particolare con la moglie Erminia.

Iscriviti alla Newsletter (16711)

Guarda anche...

il-morandini-2017

Esce il Morandini 2017: la copertina è per “La Pazza Gioia” di Virzì

Il Morandini 2017 sceglie LA PAZZA GIOIA. Il film di Paolo Virzì conquista la copertina …

Paolo-Genovese

Paolo Genovese: nuovo film e corto sociale

‘Il primo giorno della mia vita’, è il titolo del prossimo film di Paolo Genovese, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi