Home | In Attualità | Marina Militare: campagna estiva ‘Vespucci’ nei mari d’Europa
amerigo-vespucci

Marina Militare: campagna estiva ‘Vespucci’ nei mari d’Europa

Partita da Livorno la seconda fase della campagna addestrativa della ‘Vespucci’, la nave scuola della marina militare: protagonisti i 101 allievi ufficiali della prima classe dell’Accademia Navale.

A salutarli il Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio Valter Girardelli: “Sono qui anche per sottolineare l’eccezionale traguardo raggiunto dal veliero più bello del mondo che vive il suo 85/o anno di vita, rinnovato e ammodernato, tecnicamente e strutturalmente”. “Sulla ‘Vespucci’ – ha aggiunto – imparerete cosa significa essere marinai. Per voi saranno le prime esperienze di protratte navigazioni. Il mare e la ‘Vespucci’ vi forgeranno, scoprirete il senso di appartenenza che unisce i marinai, imparerete a comprendere l’importanza del lavoro di squadra, ne assaporerete gli effetti moltiplicatori rispetto allo sforzo individuale del singolo. Vi accorgerete al termine di questa esperienza di essere partiti per conoscere una parte del mondo e tornerete invece avendo conosciuto il meglio voi stessi”.

La nave toccherà i principali porti europei del Mediterraneo Occidentale e del Nord Europa: Francia, Spagna, Portogallo, Irlanda, Norvegia, Danimarca e Belgio, prima di fare nuovamente ritorno a Livorno all’inizio di ottobre. Dopo il disormeggio, il reparto navi scuola della marina militare, composto dalle navi a vela ‘Orsa Maggiore’, ‘Stella Polare’, ‘Capricia’, ‘Caroly’ e ‘Corsaro II’, insieme alla fregata Grecale, ha defilato nelle acque prospicienti l’Accademia Navale per salutare la città di Livorno.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

guida-autonoma

Sbarcano anche in Europa primi test guida autonoma

Sbarcano anche in Europa i primi test su strada di veicoli con guida autonoma, con …

produzione-lavoro

Italia indietro in Europa per produttività lavoro

Italia indietro in Ue sul fronte della produttività del lavoro. Lo rileva l’Istat, spiegando che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi