Home | In Eventi | Karin Proia eccezionale madrina nella 3 Edizione di inchieste d’estate
karin-proia

Karin Proia eccezionale madrina nella 3 Edizione di inchieste d’estate

A Capoportiere di Latina, nel pianeta dello spettacolo, alle ore 19, sulla terrazza Mira Vela Club di via Lungomare, appuntamento di rilievo per le serate di venerdì 15 e di sabato 16 luglio. E nella serata conclusiva del 16 luglio, attesa ospite sul palcoscenico sarà Karin Proia, l’attrice latinense nota per le sue partecipazioni in film televisivi come “Lo Zio d’America “ e la seconda stagione di “Boris”. La bella e famosa attrice, nel ruolo di regista nel 2015, ha diretto un lungometraggio in parte realizzato a Latina Scalo. E’ comunque conosciuta per essere diventata un cult pubblicitario nell’interpretazione di un famoso tè, per cui si notava Karin Proia passeggiare sotto il sole e pronunciare la frase “Antò fa caldo”, trasformatasi in un vero tormentone estivo. La brillante artista ha iniziato a lavorare come modella all’età di 17 anni per poi partecipare a trasmissioni televisive come “Non è la Rai”, “Bulli & pupe”, “Numero Uno” “Scommettiamo che” e “Il grande gioco dell’oca. Nel corso degli anni, ha studiato musica diplomandosi al Conservatorio Licinio Refice di Frosinone e nel 1995 ha debuttato in teatro nella tragedia di Arthur Miller “Uno sguardo dal ponte” (replicata per quattro anni e realizzata anche per la TV), dove interpretava il personaggio di Catherine, innocente causa della passione dello zio Eddie Carbone, interpretato da Michele Placido. Nel 2015, ha girato il suo primo lungometraggio da regista con un film intitolato “Una gita a Roma” con Claudia Cardinale e Philippe Leroy. E proprio questo lungometraggio sarà al centro del suo intervento a “Inchieste d’Estate”. Il film ha come protagonisti Francesco, 9 anni, con una grande passione per l’arte, e la sorellina Maria, di 5 anni, che partono dalla stazione di Latina Scalo per arrivare a Roma in gita con la mamma. Qui vengono coinvolti in una serie di avventure, a volte piacevoli e a volte meno, lungo un tragitto che fa loro scoprire una grande metropoli e un incredibile universo di personaggi, luoghi sconosciuti e situazioni inattese.

Il giornalista pontino Andrea Lucidi, ideatore della rassegna di video giornalismo, assieme all’associazione di promozione sociale Solidarte si è così espresso in proposito: “Non è la prima volta che registi, emergenti e non, scelgono Latina come luogo dove girare i loro film. E’ anche questo un modo per valorizzare il nostro territorio che molto spesso passa quasi in sordina e invece dovrebbe rappresentare un’occasione da prendere al volo per far conoscere in tutta Italia e non solo gli scorci più belli di questa provincia. Se a farlo è poi un’attrice e regista nata e cresciuta qui questo rappresenta un doppio successo che noi avremo la fortuna di omaggiare nel corso di questa rassegna che sta crescendo ogni anno di più e speriamo incontri anche il favore del pubblico”.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

Ragazze a mano armata

Ragazze a mano armata, un film di Fabio Segatori

Un’action comedy al femminile, dedicata ai siciliani per bene e agli studenti fuorisede, un film …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'