Home | Eventi | Amore che vieni amore che vai: omaggio a Fabrizio De André al Teatro Romano di Fiesole

Amore che vieni amore che vai: omaggio a Fabrizio De André al Teatro Romano di Fiesole

Un concerto-spettacolo che è un omaggio dichiarato a Fabrizio De André. Non esclusivamente dedicato alle donne. Ma che alle donne concede lo spazio che Faber ha sempre riservato: tantissimo.

“Amore che vieni amore che vai – Fabrizio De André, le donne e altre storie” porta venerdì 22 luglio sul palco del Teatro Romano di Fiesole (via Portigiani, 1 Fiesole/Firenze – ore 21,30 – biglietti 25/20 euro – prevendite www.boxol.it e www.ticketone.it – info tel.055.218647 – www.lndf.it) sette nomi noti della musica italiana, provenienti da diverse esperienze: la voce e la chitarra di Cristina Donà, Rita Marcotulli al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabbasso, Fabrizio Bosso alla tromba, Javier Girotto al sax, Saverio Lanza alla chitarra elettrica e Cristiano Calcagnile alla batteria e percussioni.

In un angolo della memoria, molti di noi hanno protetto alcune canzoni: vuoi per ricordare l’accendersi veloce di una passione d’amore che si pensava eterna o, al contrario, la sua incertezza e mutevolezza.

Molte di queste canzoni e di questi personaggi appartengono alla poetica di Fabrizio De André. Una poetica colta, curiosa della vita, attenta al mondo e alle sue ingiustizie.

E in questa poetica una parte grande è dedicata alle donne. Tutte.

A quelle che volano, che piangono; che amano riamate o che vengono lasciate e diventano storie struggenti… quelle che creano il mondo, lo amano ma vorrebbero cambiarlo per essere felici.

Per ricordare personaggi tanto simbolici quanto teneri o paradossali, romantici o beffardi; ironici, carichi di una allegria che si trasforma in lieve cinismo ma anche portatori d’un etica civile tanto moderna quanto oggi spesso dimenticata.

“Un concerto dedicato interamente alla poesia e alla musica di un uomo, di un artista che ha dato alla musica italiana una profondità e un valore che pochi altri hanno saputo raggiungere – spiega Cristina Donà – abbiamo scelto un repertorio quasi interamente dedicato alle ‘sue’ donne: Marinella, Maria, Bocca di Rosa, Teresa, Princesa e tante altre. Figure scolpite con maestria, amore e grande acutezza in assenza di giudizio. Una magia che passa attraverso le periferie, i marciapiedi, quei luoghi del mondo e dell’anima dimenticati o spesso volutamente ignorati a cui De Andrè ha saputo dar voce vera e potente”.

Paul Eluard ha scritto: “ci sono parole che aiutano a vivere e sono parole innocenti” e le parole dedicate da Faber alle donne sono tutte parole innocenti: da Maria a Boccadirosa…

Spettacolo in collaborazione con Estate Fiesolana 2016.

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

Guarda anche...

Burt Bacharach

Burt Bacharach in concerto al Teatro Romano di Ostia Antica

C’è chi dice che la musica di Bacharach aiuti ad evadere dalla realtà, ma i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi