Home | Cinema | Giffoni 2016: bandiera francese e silenzio per l’apertura del Festival
giffoni-film-festival

Giffoni 2016: bandiera francese e silenzio per l’apertura del Festival

Una grande bandiera della Francia, due minuti di silenzio e il grido France/Nizza/Giffoni. Così il Giffoni Film Festival ha deciso di inaugurare oggi la 46esima edizione del più importante evento per ragazzi del mondo. Un’apertura segnata dai tragici fatti di Nizza che i 4.150 giurati hanno particolarmente sentito vista la presenza di molti ragazzi francesi nelle diverse sezioni.

“Abbiamo voluto cambiare impostazione della cerimonia di apertura scegliendo il silenzio e il grido Giffon/Nizza -ha spiegato Claudio Gubitosi, direttore del Giffoni Film Festival- Il tradizionale taglio del nastro è stato sostituito dalla consegna di un bouquet di fiori con i colori della bandiera francese portato da alcuni ragazzi transalpini distribuiti nelle varie sezioni. Solidarietà e reazione sono i segni di questa giornata”. La bandiera francese è stata portata dai giurati in giro per la cittadella. “Vogliamo dedicare questa edizione alla Francia – ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania- alle vittime di questa orrenda strage, ai tanti bambini e ragazzi morti in questo attentato. Anche per noi è una giornata segnata dal dolore e dalla tristezza. È diventata, ancor di più, l’edizione della solidarietà.

Oggi – ha aggiunto De Luca – abbiamo riconfermato che i contenuti del Giffoni Film Festival rappresentano il modo più forte per contrastare la barbarie del terrorismo, che punta a diffondere paura e violenza nel nostro modo di vivere, a creare barriere, divisioni, odio tra i popoli. Il Festival, invece, è l’evento che accomuna i popoli, che porta qui bambini da decine di Paesi del mondo. L’incontro e il dialogo possono e devono essere occasione di crescita umana e culturale. La risposta del Giffoni, dell’Italia, dell’Europa è questa: l’apertura al dialogo, la tenacia nel mantenere aperti i canali della comprensione e della solidarietà fra i popoli. Il Gff è la risposta più forte al terrorismo e a questa violenza rispondiamo con la cultura dell’accoglienza, della creatività e della solidarietà”.

Alla cerimonia erano presenti alcuni giurati francesi, Célie Chollois, Moyra Arrebot Natou, Camille Royant, Solène Leclerc, Chloé Winieski e Pénélope Douillet ai quali De Luca ha donato un mazzo di fiori che richiama i colori della Francia, il bianco, il blu e il rosso. Al taglio del nastro erano presenti anche il presidente del Giffoni Experience, Piero Rinaldi e il sindaco di Giffoni Valle Piana, Antonio Giuliano.

Iscriviti alla Newsletter (16711)

Guarda anche...

Braccialetti-Rossi

Braccialetti Rossi 3 presentato in anteprima al Giffoni Film Festival

Novità e sorprese per la terza edizione di “Braccialetti Rossi”, in onda su Rai Uno …

Dean-Charles-Chapman

Dean-Charles Chapman al Giffoni Film Festival presenta ‘Fungus the Bogeyman’

“Lasciare il cast è stato triste. La scena finale non è stata la mia ultima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi