Home | Manifestazioni | Mowgli vince la finale nazionale del Red Bull BC ONE

Mowgli vince la finale nazionale del Red Bull BC ONE

 

Ieri sera a Cesenatico in centinaia hanno assistito alla finale nazionale del Red Bull BC ONE, la competizione di breakdance più prestigiosa al mondo. A vincere l’ambito trofeo è il bboy calabrese (di Reggio Calabria) MOWGLI che con la sua attitudine alla vittoria ha prevalso sui 16 bboy in gara e si è aggiudicato il posto più alto sul podio. Questa vittoria gli consente di accedere al Last Chance Cypher in programma in Giappone (a Nagoya) il 1° dicembre dove incontrerà i vincitori dei National Cypher provenienti da tutto il mondo e gareggerà per guadagnarsi un posto alla FINALE MONDIALE.

La giuria lo vota all’unanimità sottolineandone la grande forma fisica, l’attitudine e la sicurezza con cui ha affrontato la gara dalla prima battle fino alla combattutissima finale con bboy Ibra. E lui stesso gioisce della vittoria e racconta «ho 20 anni e ballo da quando ne avevo 14, questo è il mio sogno che si realizza e accade alla mia prima partecipazione al Red Bull Bc One! Ne sono orgoglioso, l’ho voluto e l’ho cercato e spero con l’esperienza di diventare un bboy stimato sulla scena».

Il contest ha fatto parte del fitto calendario di appuntamenti del Red Bull BC ONE CAMP ospitato per la prima volta dal The Week, il più importante festival dedicato alla street dance in Italia che si concluderà domani.

Il Red Bull BC ONE, il campionato mondiale di breakdance uno contro uno più importante del mondo, ha debuttato nel 2004 a Biel, in Svizzera, e nel corso degli anni ha fatto tappa nei più importanti paesi del mondo dalla Germania al Brasile, Sud Africa, Francia, USA, Giappone, Russia, Sud Corea e Italia. Lo scorso anno Roma ha ospitato la Finale Mondiale e migliaia di spettatori si sono sintonizzati da tutto il mondo per vedere l’americano Victor conquistare l’ambita cintura di campione mondiale.

Iscriviti alla Newsletter (16714)

Guarda anche...

Laura Abela

L’Aura in concerto in Giappone

L’AURA si appresta a partire per il Giappone per due speciali concerti piano e voce, …

giappone

Giappone: una strada in sette giorni?

Ci sono voluti pochi giorni, per riparare l’enorme voragine – larga 30 metri e profonda …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi