Home | Tempo d'Europa | G20: da Brexit incertezza, ma ben posizionati per reagire
g20-2016

G20: da Brexit incertezza, ma ben posizionati per reagire

Il G20 finanziario promette il ricorso a tutti “gli strumenti” possibili per rilanciare la crescita sotto pressione con la Brexit che ha aggiunto altre incertezze in un’economia globale alle prese con terrorismo e altre sfide. Lo si legge nel comunicato finale del vertice di Chengdu, in cui ministri delle Finanze e governatori centrali delle 20 maggiori economie sviluppate ed emergenti auspicano in futuro di “vedere la Gran Bretagna come un partner stretto dell’Ue”.

La Brexit “ha aggiunto incertezza nell’economia globale”, ma i Paesi del G20 sono “ben posizionati per rispondere proattivamente alle potenziali conseguenze economiche e finanziarie”, mentre sperano che il “Regno Unito resti un partner stretto dell’Unione europea” si legge nel comunicato finale.

Il documento, letto dal ministro delle Finanze cinese Lou Jiwei, elenca anche come altri fattori negativi per l’economia mondiale: “I conflitti geopolitici, il terrorismo e i flussi di rifugiati, che complicano il contorno economico mondiale”.

Tra gli altri fattori di instabilità, la forte fluttuazione delle materie prime e la bassa inflazione di alcuni Paesi, elementi che il G20 afferma lascino l’economia mondiale “più debole di quanto sarebbe auspicabile”, in cui “i benefici della crescita devono essere suddivisi meglio” tra i diversi governi.

Quindi, i leader economici si impegnano a usare “tutti gli strumenti di politica monetaria, fiscale e strutturale, in modo individuale o congiunto, per arrivare alla meta di una crescita forte, sostenibile, equilibrata e inclusiva”. La dichiarazione finale avverte che “la politica monetaria in solitaria non può condurre a una crescita equilibrata”, mentre movimenti volatili e disordinati nei tassi di cambio possono avere “conseguenze avverse per la stabilità economica e finanziaria”.

Iscriviti alla Newsletter (16711)

Guarda anche...

Theresa-May-

Theresa May ad Angela Merkel: “Rispetteremo i tempi di uscita dall’Ue”

Dopo aver parlato col presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, la premier britannica Theresa May …

theresa-may

Alta Corte di Londra: su Brexit deve decidere il Parlamento

L’Alta Corte di Londra ha accolto il ricorso di un gruppo di attivisti pro Ue …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi