Home | In Attualità | Viaggi: in valigia è bene avere le vaccinazioni più adatte alla destinazione
viaggiare

Viaggi: in valigia è bene avere le vaccinazioni più adatte alla destinazione

Quando si parte, ricorda un articolo sul New England Journal of Medicine, in ‘valigia’ è bene avere anche le vaccinazioni più adatte alla destinazione, per evitare di essere in quel 20-64% di viaggiatori che tra i souvenir riporta anche qualche malattia.

La prima cosa da fare prima di partire, scrive sulla rivista David Freedman dell’Università dell’Alabama, sarebbe consultare il proprio medico, eppure fino all’80% di chi parte non lo fa.

“Un viaggio internazionale è un’opportunità fantastica – commenta Susanna Esposito, presidente WAidid, Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – ma va pianificato adeguatamente. Il primo passo fondamentale è la rivalutazione del calendario vaccinale, anche per semplici dimenticanze è possibile non aver fatto vaccinazioni raccomandate. Poi ci sono mete più ‘esotiche’, e in questi casi i rischi vanno considerati, valutando le adeguate immunizzazioni e le misure di prevenzione più adatte”.

“La vaccinazione principale da fare è contro l’epatite A, una malattia molto diffusa nei paesi a sviluppo intermedio – sottolinea Esposito – Una unica dose offre una protezione a breve termine, mentre si ha una protezione per tutta la vita con due dosi, e può essere fatta da un anno di vita in su. Poi c’è l’antitifica, sono tre compresse da prendere a giorni alterni, è raccomandata dai sei anni di età ma anche dopo i due anni si può fare, e previene tifo e alcuni tipi di salmonellosi. Oltre a queste ci sono altre immunizzazioni più ‘sofisticate’, per mete ancora più esotiche, come quella per la febbre gialla, che va fatta però solo per precise destinazioni”.

Oltre ai vaccini, raccomanda Esposito, è fondamentale la profilassi antimalarica, e in generale vanno messe in atto tutte le misure per evitare le punture di zanzara, soprattutto se si è in zone in cui sono presenti virus come Zika o Dengue. Queste misure, ricordano gli esperti sulla rivista, insieme a quelle più comuni sull’igiene alimentare, dal lavarsi le mani a evitare cibi crudi, dovrebbero assicurare un viaggio sicuro, almeno dal punto di vista delle infezioni.

“Chi non avesse ancora provveduto ai vaccini deve sbrigarsi però – precisa Esposito – perchè ci vogliono almeno 10-15 giorni perchè facciano effetto, serve organizzarsi per tempo”.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

vaccini

Segnalato in Italia un primo caso di difterite

In Italia circola il batterio che causa la difterite. A renderlo noto, nel corso del …

sergio-mattarella

Vaccini, Sergio Mattarella: “Contrastare chi li mette in discussione”

“Occorre contrastare con decisione gravi involuzioni, come accade, ad esempio, quando vengono messe in discussione, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi