Home | In Attualità | Debutta la App ‘No-Barriere’ per i disabili

Debutta la App ‘No-Barriere’ per i disabili

Marciapiedi dissestati o senza scivolo per farvi accedere una sedia a rotelle, ascensori non funzionanti, luoghi pubblici, come le questure, accessibili solo attraverso scalini. Roma non è un Paese per disabili e non lo sono neanche la maggior parte delle città italiane. Costrette quotidianamente ad affrontare un vero e proprio percorso a ostacoli però le persone con disabilità ora hanno un”arma’ per segnalare le barriere architettoniche e ricevere aiuto per abbatterle. Dopo un periodo sperimentale, debutta ufficialmente la App “No-Barriere”, iniziativa lanciata dall’Associazione Luca Coscioni, presentata con una dimostrazione dal vivo, lungo un “percorso a ostacoli” nelle vie del centro storico della capitale. In Italia infatti è “quasi ovunque disattesa la Legge del 2006 per la tutela contro le discriminazioni”, denuncia Marco Cappato, tesoriere dell’associazione.

Scaricabile gratuitamente su smartphone e tablet, per utenti Android e iOs, la App è dedicata non solo ai tanti che ogni giorno fanno i conti in prima persona con gli ostacoli disseminati lungo le strade delle nostre città, ma anche a chiunque voglia attivarsi per contribuire a segnalare le barriere architettoniche. Basta scattare una foto, inserire una breve descrizione del problema e attivare la geolocalizzazione.

La segnalazione viene automaticamente visualizzata online e permette di avere una mappatura delle ‘anomalie’. Ma allo stesso tempo la notifica viene inviata all’associazione Luca Coscioni, che la valuta e fornisce indicazioni al cittadino su come denunciare la barriera al sindaco del comune di riferimento. “Se non se ne fa carico – spiega Rocco Berardo, dirigente dell’associazione – entro tempi ragionevoli, si può procedere per vie legali per rivendicare il proprio diritto a non essere discriminati”.

“Le pubbliche amministrazioni potrebbero adottare l’App perché consente un dialogo diretto con i cittadini e un modo per avere una percezione immediata dei problemi che incontrano”, commenta il segretario dell’Associazione.

Iscriviti alla Newsletter (16493)

Guarda anche...

camminare

Quanto camminano gli italiani?

Uno studio dell’Università di Stanford afferma che si cammina poco. La ricerca è basata sui …

Minerali provenienti da aree di conflitto: di cosa è fatto il tuo smartphone

Stagno, tantalio, tungsteno e oro. Tutti minerali oggi associati a prodotti della contemporanea alta teconologia, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi