Home | Tempo d'Europa | Sicurezza delle frontiere: come il Parlamento sta contribuendo a mantenere al sicuro l’Europa

Sicurezza delle frontiere: come il Parlamento sta contribuendo a mantenere al sicuro l’Europa

La crisi migratoria ha evidenziato che non si può avere uno spazio Schengen di libera circolazione senza forti frontiere esterne. Stando al più recente sondaggio Eurobarometro, il 71% degli europei vuole che l’UE faccia di più per proteggere tali frontiere. Il Parlamento è impegnato in una serie di iniziative per rafforzare questi controlli.

Il 6 luglio i deputati al PE hanno approvato dei piani per istituire un sistema di controllo delle frontiere dell’UE, riunendo l’agenzia per le frontiere dell’Unione Frontex e le autorità nazionali di gestione delle frontiere. Le autorità nazionali continueranno a gestire i propri confini su base corrente potendo però ricorrere, qualora le loro frontiere esterne dell’UE si trovassero sotto pressione, all’aiuto dell’Agenzia europea della guardia costiera e di frontiera, per dispiegare rapidamente lungo tali frontiere squadre europee di guardie di frontiera. La proposta, una volta approvata dal Consiglio, potrebbe entrare in vigore il prossimo autunno.

L’on. Artis Pabriks, deputato lettone del gruppo PPE, incaricato di guidare i piani in seno al PPE, ha affermato: “Il regolamento sulla guardia costiera e di frontiera europea assicurerà maggiore sicurezza e una migliore gestione delle frontiere esterne dell’UE. Non si tratta di una soluzione miracolosa che può porre fine alla crisi migratoria cui l’UE si trova ora dinanzi o ripristinare pienamente la fiducia nello spazio Schengen, ma è un primo passo oltremodo necessario”.

Inoltre il Parlamento sta discutendo con il Consiglio per far sì che recarsi all’estero a fini terroristici costituisca reato in tutti i paesi dell’UE. Ciò includerebbe attività come impartire o ricevere formazione, incitare al terrorismo e finanziare attività terroristiche.

Il Parlamento ha altresì negoziato con il Consiglio una proposta volta a far sì che i dettagli di tutti i cittadini dell’UE siano raffrontati ai dati contenuti nelle banche dati relative a documenti smarriti o rubati alle frontiere esterne aeree, marittime e terrestri.

Il sondaggio è stato effettuato tra il 9 e il 18 aprile 2016 intervistando 27 969 cittadini di tutti i paesi dell’UE. Il campione è stato scelto in maniera tale da essere rappresentativo dell’insieme della popolazione.

A livello di Unione, gli intervistati che dichiarano di volere più protezione delle frontiere esterne da parte dell’UE sono il 71%, rispetto al 67% in Irlanda e al 67% nel Regno Unito. Cliccare qui per trovare i risultati relativi agli altri paesi.

Iscriviti alla Newsletter (16562)

Guarda anche...

guardia-costiera

Guardia Costiera: trasporto sanitario urgente

Nella mattina di oggi, 12 aprile, è stato effettuato un recupero e trasporto sanitario urgente …

guardia-costiera-salone-nautico-bari

La Guardia Costiera al Salone Nautico della Puglia

Si è tenuta a Bari, dal 29 marzo al 2 aprile, nel nuovo padiglione della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi