Home | Tempo d'Europa | Vertice ad Atene: no all’austerity. Critiche dalla Germania
Parlamento-europeo

Vertice ad Atene: no all’austerity. Critiche dalla Germania

Ad una settimana dal Consiglio Ue di Bratislava l’Europa si ritrova segnata da un nuovo scontro sull’austerità. Uno scontro più che mai ‘geografico’ producendosi tra la Germania del ministro ‘falco’ Wolfgang Schaeuble e il neonato fronte dei Paesi mediterranei dell’Ue, riunito ad Atene su iniziativa del premier Alexis Tsipras. Un vertice che si pone tra gli obiettivi primari la formazione di un fronte comune anti-austerity e che, proprio per questo, finisce già prima di cominciare nel mirino dei tedeschi.

L’Italia, in questo rinnovato ‘movimento’ europeo, fa il suo gioco – Per la crescita, per un’Ue basata sui valori della cultura. “L’Europa non può continuare a essere solo regole, tecnicismi e austerity, deve concentrarsi sui valori che l’hanno fatta grande, deve essere un’Europa sociale”, scandisce Renzi da Atene sottolineando la visione diversa di Europa che viene dal summit Euro-Med. Una visione che abbia come punto d’arrivo “l’eroe greco” e il binomio “kalos kagathos” (bellezza e etica) che lo segnano nella mitologia classica. La partita è lunga e, più che nel vertice di Bratsilava, avrà nelle celebrazioni del Trattato Ue di marzo 2017 a Roma il suo punto d’arrivo. Con la partita di gennaio del rinnovo della carica di Martin Schulz (a capo dell’Europarlamento) e Donald Tusk (a capo del Consiglio Ue) come uno dei nodi più spinosi. Da oggi, però, in Ue c’è il fronte Euro-Med. “Il Mediterraneo non è solo il passato dell’Europa come la stragrande dei commentatori ritiene”, è la sfida lanciata da Renzi.

Iscriviti alla Newsletter (16713)

Guarda anche...

deutsche-telekom

Germania: black out per Deutsche Telekom

Un portavoce della Deutsche Telekom ha detto all’agenzia stampa tedesca Dpa che l’azienda è probabilmente …

patriza-toia

Patrizia Toia: “Reazione scomposta della Germania dimostra cambio verso dell’Europa”

“Se le regole si fanno a Bruxelles valgono per tutti. La reazione scomposta del ministro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi