Home | In Attualità | Scuola: 8 milioni di studenti tornano tra i banchi

Scuola: 8 milioni di studenti tornano tra i banchi

“Stamattina milioni di studenti celebrano il rito del primo giorno di scuola. Con quel carico di aspettative e anche di preoccupazioni che il ritorno tra i banchi porta con sé. Ai nostri ragazzi, alle loro famiglie, agli insegnanti e a tutto il personale della scuola faccio i miei migliori auguri. Sarà un anno di sfide importanti e grandi responsabilità”. Il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, saluta così, sul suo profilo facebook, i circa 8 milioni di studenti (cui vanno aggiunti i 939mila degli istituti paritari) che questa mattina sono tornati sui banchi di scuola (eccetto gli studenti della Provincia autonoma di Bolzano, per i quali la campanella ha suonato lo scorso 5 settembre).

Si tratta di sfide che “affronteremo con molti strumenti in più rispetto al passato- prosegue il ministro- per fare della scuola il vero motore del cambiamento. Uno spazio da abitare non solo durante l’orario delle lezioni. Una scuola al centro di ogni comunità, – conclude Giannini- aperta alle realtà che la circondano, alle famiglie, al territorio. Una nuova scuola, insieme. Benvenuti, bentornati, buon inizio”. Sono la Lombardia (oltre un milione) e la Campania (quasi un milione) le regioni che contano il maggior numero di iscritti, seguite dalla Sicilia e dal Lazio, che quest’anno deve fare i conti con la distruzione lasciata dal terremoto, le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo. Per queste ultime due, le campanelle suoneranno domani, mentre nelle Marche e nel Lazio l’avvio dell’anno scolastico è previsto per giovedì 15 settembre. Ma ad Amatrice e a Cittareale, l’apertura è anticipata a martedì 13. “Un primo segnale di ritorno alla normalità per bambini e ragazzi, e per le loro famiglie”, sottolinea la Protezione Civile che fornisce il quadro degli interventi.

Guarda anche...

Ue. Stop a bibite zuccherate nelle scuole

L’industria europea dei soft drinks non venderà più bevande zuccherate nelle scuole secondarie dell’Ue, distributori …

Valeria Fedeli

Portare l’obbligo scolastico a 18 anni?

“Io sarei per portare l’obbligo scolastico a 18 anni perché un’economia come la nostra, che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi