Home | Tempo d'Europa | Strasburgo: Jean-Claude Juncker, registreremo chi entra in UE
Jean-Claude-Juncker

Strasburgo: Jean-Claude Juncker, registreremo chi entra in UE

“Il patto di stabilita’ non deve diventare un patto di flessibilita’, ma deve essere applicato con flessibilità intelligente per non ostacolare, non bloccare la crescita dell’economia”. Così, in apertura del suo secondo discorso sullo Stato dell’Unione il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker. Juncker ha aggiunto che se è vero che il livello del deficit dal 2009 è sceso dal 6,3% medio all’1,9%, “i debiti continuano a essere troppo alti”.

Brexit non è minaccia per sua esistenza – L’uscita del Regno Unito dall’Unione europea non deve essere considerata una minaccia per l’esistenza stessa dell’Ue. Lo ha sottolineato nel suo intervento sullo Stato dell’Ue il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. “I nostri amici e partner internazionale si chiedono con preoccupazione se la Brexit non sia l’inizio dello scioglimento dell’Ue – ha premesso Juncker – ma noi siamo sicuri che, pur rispettando e deplorando questa decisione, non c’e’ un pericolo per l’esistenza dell’Ue”.

“Il populismo non risolve i problemi, ma li crea”, pertanto “dobbiamo proteggerci” dalle sirene che ventilano soluzioni facili a questioni complesse”. Ha affermato il presidente della Commissione Europea.

Raddoppio piano investimenti,500 mld fino 2020 – Il piano di investimenti ha generato 150 miliardi nello scorso anno, ma “dobbiamo fare di più” e quindi “propongo di raddoppiare la durata e la capacità finanziaria” dell’Efsi affinché “fornisca almeno 500 miliardi di euro entro il 2020 e 532 miliardi fino al 2022”. Ha detto Juncker.

Difesa da terrorismo priorità assoluta – “Un’Europa protettrice è un’Europa che si difende. E dobbiamo difenderci soprattutto contro il terrorismo, questa è la priorità assoluta”. Ha sottolineato Juncker alla plenaria di Strasburgo, ricordando gli attacchi subiti nel 2015 e 2016. “Dobbiamo mostrare ai terroristi che non hanno alcuna possibilità di colpire i nostri valori. La nostra tolleranza non può andare a scapito della nostra sicurezza”.

Entro novembre la Commissione proporrà un sistema europeo di informazione sui viaggi: “Ogni volta che uno entra in Ue sarà registrato, luogo, data e motivo dello spostamento”, in modo che “questo nuovo sistema automatico ci dirà chi è autorizzato a viaggiare in Ue, prima che arrivi in Ue”. Ha annunciato il presidente della Commissione.

Guarda anche...

Juncker

Migranti, Juncker: “Scandaloso il fatto che si voltino le spalle all’Italia”

Sui migranti è “scandaloso il fatto che si voltino le spalle all’Italia nel momento in …

jean-claude-juncker

Jean Claude Juncker: “Con Trump perderemo 2 anni, non conosce il mondo”

“Con Trump perderemo due anni: il tempo che faccia il giro del mondo che non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi