Home | Eventi | Settembre a Roma con la mostra di Giovanni Frangi
giovanni-frangi

Settembre a Roma con la mostra di Giovanni Frangi

L’Istituto centrale per la grafica presenta, nella sede di Palazzo Poli, l’opera in carta di Giovanni Frangi, progettata per la sede, con la curatela di Giorgio Verzotti. Lo fa con un progetto che ha tutto il sapore di una sfida: lavorare sul supporto che in questo luogo ha uno dei suoi “templi”, la carta. Frangi infatti ha cercato di saggiarne in modo imprevedibile ed estremo tutte le potenzialità. Per realizzare questo progetto ha puntato su due carte dalle grandi qualità come la Hahnemuhle bianca e la Fabriano nera, alle quali ha aggiunto un “outsider”: un cartone di grandi dimensioni prodotto da Cartiere dell’Adda. Ciascun tipo di carta poi comporta anche un rapporto con grane profondamente differenti, che diventano fattore attivo nel lavoro di Frangi.

Non è la prima volta che Frangi si misura con le carte, basta ricordare il ciclo “Pasadena” del 2013 dedicato ai Huntington Botanical Gardens della città californiana.

Anche gli artisti che dalla seconda metà del Settecento arrivano da tutt’Europa stregati dal paesaggio di Roma avevano eletto la carta a loro supporto preferito perché permetteva di lavorare con rapidità e di “rapire” le visioni che si trovavano davanti. Ma le loro carte per ragioni non solo pratiche tendevano ad essere sempre piccole (sono stati affettuosamente ribattezzati “tableautins”), quasi che il loro lavoro fosse qualcosa di furtivo, di molto privato.
Giovanni Frangi al contrario usa la carta facendone esplodere le dimensioni, che in molti casi arrivano a coprire quasi tutta l’estensione delle grandi pareti mentre è nello storico laboratorio della Stamperia che sabato 24 settembre, alle ore 19, in collaborazione con Corrado Albicocco, Frangi realizzerà due incisioni con la tecnica del carborundum; due immagini di foreste nordiche in bianco e nero che, grazie a questa tecnica sperimentata già nel ciclo “Pasadena”, acquisteranno una straordinaria materia vellutata. Al termine del workshop sarà possibile visitare la mostra in compagnia dell’artista.

Come ha scritto Giorgio Verzotti nel volume Giovanni Frangi. Pasadena; “la natura da oggetto di attrazione diventa oggetto di indagine, e per meglio dire, schermo su cui proiettare istanze psicologiche, gli affetti di uno spirito quasi visionario. Cieli e fiumi e montagne e pietre che non hanno quasi mai il colore appropriato, come in un paesaggio all’acido lisergico dipinto da una mente sovraeccitata. Da qui la forza insieme toccante e artificiosa del suo lavoro”.
Nella serie San Pietro, grandi foreste su cartone, o nella serie Fontannamare i tronchi si impongono nello spazio con l’evidenza formale di un fusto di colonna che si alza sopra le rovine. L’acqua della serie Trevi si colora invece di un rosa sfrontatamente cinematografico. La contaminazione di Frangi con Roma non poteva prescindere dal suo amore per Mario Schifano, che ritroviamo ad esempio nella libertà di tessitura della serie Antigua, grandi palme realizzate su cartone. Un video documenta il lavoro dell’artista in occasione della realizzazione della mostra.

Informazioni utili
Sede: Roma, Istituto centrale per la grafica, Palazzo Poli, via Poli 54
Inaugurazione: sabato 24 settembre 2016, ore 11.30
Date / Orario: dal martedì alla domenica dalle 14 alle 19 (ultimo ingresso ore 18.30)
Ingresso libero
In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio la mostra resterà aperta sabato 24 fino alle 22 (ultimo ingresso 21.30) e domenica 25 dalle 11 alle 19 (ultimo ingresso ore 18.30).

Guarda anche...

principesse-e-sfumature

“Principesse e Sfumature” in scena al Teatro Trastevere da giovedì 8 dicembre

Vincitore del Premio Comedy al Roma Fringe Festival 2016, Principesse e Sfumature di e con …

ministro-pinotti

Carabinieri: Ministro Pinotti inaugura primo asilo nido dell’Arma

Il Ministro Pinotti ha inaugurato giovedì 1 dicembre 2016 – presente il Comandante Generale dell’Arma, …

Un commento

  1. CON SCHIFANO A BEN POCO A CHE FARE ,UNO è IL GENIO INVENTORE DELLA DIGITAL ART E DI ALTRTE IDEE ARTISTICHE CHE I GIOVANI DI OGGI ESEGUONO NELLE LORO ATLERIE ARTISTICHE MENTALI E TECNICHE NELLA VITA ARTISTICA LORO ,E POI DICO SEMPRE CHE L’ORIGINALE è SEMPRE GENIALE ,ALTIR SONO OTTIMI ASPIRANTI PER DIVENTARE BUONI COPIATORI DEL GENIO ,MA FRANGI NON è SCHFANO APPUNTO ,è SOLO UN OTTIMO ARTISTA ,MA SCHIFANO è UN ARTISTA CHE IN ACCADEMIA NON L OSCELGONO MAI PER LA TESI PERCHE DIFFICILE DA RACCONTARE ,CONCETTUALMENTE AVANTI 50 ANNI A NOI ALTRI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi