Home | In Attualità | Siria: alta tensione tra Usa e Russia, dopo raid a Deir Azzor

Siria: alta tensione tra Usa e Russia, dopo raid a Deir Azzor

La tregua negoziata tra Russia e Stati Uniti in Siria è scaduta alla mezzanotte e un suo futuro rinnovo appare sempre più a rischio, dopo gli attacchi della coalizione a guida Usa che hanno ucciso decine di soldati fedeli al presidente Bashar al Assad – alleato di Mosca – nell’Est del Paese e i primi raid su Aleppo da una settimana.

Questo peggioramento della situazione ha causato una forte tensione tra Mosca e Washington, che si accusano reciprocamente di voler mandare all’aria il fragile cessate-il-fuoco.

La situazione in Siria è destinata a dominare le discussione a margine dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, l’annuale appuntamento diplomatico che si aprirà domani a New York, che quest’anno è centrato sul problema delle migrazioni.

In cinque anni, la guerra in Siria ha fatto oltre 300mila morti e ha fatto perdere la casa alla metà della popolazione. Una parte di essa è sfollata all’interno del Paese mediorientale, un’altra parte è andata via in cerca di salvezza principalmente nei Paesi vicini, Turchia in primis, ma anche tentando la pericolosa traversata verso l’Europa.

Sul terreno, un colpo particolarmente duro alla tenuta della tregua è stato dato dai bombardamenti condotti dagli Stati uniti, che hanno causato sabato 90 morti a Deir Azzor, secondo quanto ha riferito l’Osservatorio siriano per i diritti umani. La coalizione, in seguito, ha attribuito a un errore il raid contro l’esercito di Damasco: pensavano di colpire postazioni dello Stato islamico (Isis). Mosca ha chiesto un’inchiesta completa.

“Le azioni dei piloti, se essi, come noi speriamo, non obbedivano agli ordini di Washington, vanno dalla negligenza criminale al sostegno diretto ai terroristi dell’Isis”, ha dichiarato il ministero degli Esteri russo ieri. Invece secondo la consigliera di Assad, Buthaina Chaaban, l’attacco “è stato premeditato” e ha portato a un avanzamento dell’Isis. L’ambasciatore siriano presso l’Onu, Bashar Jaafari, dal canto suo, ha accusato gli Usa di voler “far fallire la tregua”.

Guarda anche...

Unicef

Unicef: il 2016 l’anno peggiore per i bambini della Siria. Ecco il nuovo dossier

Le gravi violazioni contro i bambini in Siria nel 2016 hanno raggiunto il livello più …

siria

Siria. Save the Children: 1 bambino su 4 soffre conseguenze devastanti del conflitto sulla salute mentale

A sei anni dall’inizio del conflitto in Siria, sono 5,8 milioni i bambini che vivono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi