Home | In Cultura | Al Maxxi ‘Talk Like A Photographer’, 5 incontri con protagonisti della fotografia contemporanea
Maxxi di Roma

Al Maxxi ‘Talk Like A Photographer’, 5 incontri con protagonisti della fotografia contemporanea

Utilizzare la fotografia per comprendere la diffusione delle mafie in Italia rappresenta il tentativo di esplorare la zona grigia in cui queste prosperano, infiltrate nella società civile e nel tessuto economico e nascoste dietro l’apparente normalità dei luoghi.

Nel quarto appuntamento di TALK LIKE A PHOTOGRAPHER – ciclo di incontri con alcuni dei fotografi i cui lavori sono esposti nella mostra EXTRAORDINARY VISIONS. L’ITALIA CI GUARDA, al MAXXI fino al prossimo 23 ottobre 2016 – martedì 27 settembre alle ore 18.30 incontriamo al MAXXI il gruppo di lavoro ibrido composto dai fotografi Tommaso Bonaventura e Alessandro Imbriaco e dal curatore Fabio Severo autori del progetto Corpi di Reato che racconta le mafie diffuse.

Concepito come “un’archeologia visiva dei fenomeni mafiosi nell’Italia contemporanea”, il loro lavoro dà testimonianza del nuovo modello di mafia liquida, invisibile, mimetizzata con le parti sane della società che, dopo la fase stragista degli anni Novanta, si è affermato negli ultimi anni.

Ultimo appuntamento il 4 ottobre con Giovanni Gastel.

Con la mostra EXTRAORDINARY VISIONS, inaugurata lo scorso 2 giugno il MAXXI celebra in modo non retorico ai 70 anni della Repubblica Italiana, attraverso 150 scatti di 40 maestri della fotografia (tra cui Luigi Ghirri, Carlo Fontana, Ugo Mulas, Mustafa Sabbagh, Francesco Zizola, ecc), che raccontano bellezze e contraddizioni, degrado e speranze del nostro Paese.

Guarda anche...

in-trattament

“In-trattament” di Fabrizio Catarci, il 6 dicembre al Teatro Trastevere

L’Associazione Culturale Teatro Trastevere è lieta di presentare lo spettacolo evento: In-trattament, una commedia che …

sessolose

Sessolosé – mia madre non lo deve sapere: dal 13 dicembre al Teatro Trastevere di Roma

Dopo i successi dell’ultima stagione con “Non ti fissare. Tu chiamale se vuoi ossessioni” e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi