Dario Franceschini: 2018 l’anno di Rossini

Il 2018 sarà l’anno rossiniano, per i 150 anni dalla morte avvenuta il 13 novembre 1868, quindi avremo nel 2019 l’anno di Leonardo, per i 500 anni dalla morte, nel 2020 quello di Raffaello, sempre per i 500 anni dalla morte, e nel 2021 quello di Dante, per i 700 anni dalla morte. Lo ha annunciato, presentando il programma per Rossini, il ministro Dario Franceschini, che ha promosso e fatto approvare per ognuna di queste occasioni una legge speciale.
Rossini verrà celebrato dal 23 febbraio facendo centro a Pesaro (dove a agosto si svolgerà anche la XXIX edizione del Rossini Opera Festival) ma irradiandosi a tutto il mondo, con tantissimi appuntamenti musicali, ma anche altri legati al mito del musicista, a cominciare dalla sua passione per la cucina, e poi con l’avvio della costituzione di un Museo Rossini, sempre a Pesaro, a Palazzo Antaldi. Per questo sono stati stanziati, dopo la legge speciale approvata a dicembre, due finanziamenti: 700 mila euro per le manifestazioni e un milione per il Museo.

Newsletter

Guarda anche...

Il ministro Franceschini ha riconosciuto il videoclip come opera d’arte

Il meeting delle etichette indipendenti e il premio italiano videoclip indipendente si complimentano con il …

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi