Home | Milano | Jawbreaker: il 20 maggio in concerto all’Alcatraz di Milano

Jawbreaker: il 20 maggio in concerto all’Alcatraz di Milano

Che i Jawbreaker fossero in procinto di tornare era una cosa già nota al loro affezionato pubblico: le prime avvisaglie di una possibile reunion di una delle band più influenti degli anni ‘90 risalgono ad alcune dichiarazioni del 2016 da parte del loro batterista Adam Pfahler e alla loro esibizione del 2017 al Riot Fest di Chicago.

Ma è solo nel 2019 che la band decide di ufficializzare la cosa partendo per un tour negli States e in Europa che farà tappa all’Alcatraz di Milano il 20 maggio.

La band punk rock americana attiva dal 1986 al 1996 è stata di importanza fondamentale e di grande ispirazione per tutto il movimento emo-punk che si è sviluppato da allora fino ai nostri giorni.
La band nasce nel 1986 a New York, quando i tre membri fondatori Blake Schwarzenbach (cantante), Chris Bauereister (bassista) e Adam Pfhaler (batterista) sono ancora all’università. Il loro album d’esordio, “Unfun” (Shredder Records), vede la luce nel 1990, dopo il loro trasferimento a Los Angeles. Due anni dopo, questa volta a San Francisco, esce “Bivouac”, pubblicato da Tupelo Recording Company e The Communion Label. Grazie al carisma e ai testi personali carichi di frustrazione giovanile, Schwarzenbach diventa sempre più una figura di culto. Quello che però fa dei Jawbreaker una band di successo è il tour intrapreso insieme ai Nirvana nel 1993 (anno della presentazione di “In Utero”) e la successiva pubblicazione, nel 1994, del loro terzo disco “24 Hour Revenge Therapy”, prodotto insieme a Steve Albini, che li catapulta sotto gli occhi delle major.
Di lì a poco, infatti, la band firma un contratto da 1 milione di dollari con DGC Records per la pubblicazione del loro ultimo album, “Dear You”.

Dopo la pubblicazione di questo album gli attriti all’interno della band, specialmente tra Schwarzenbach e Bauereister, si fanno più frequenti. Nel 1996 dopo il tour in apertura alle date dei Foo Fighters, i Jawbreaker si sciolgono.

Dal loro scioglimento nascono due band parallele: i Jets To Brazil formati da Schwarzenbach insieme al batterista dei Texas is Teh Reason, e i Whysall Lane, formati dal batterista Adam Pfhaler, che con la sua label, Blackball Records, produrrà alcune ristampe dei dischi dei Jawbreaker.
L’amore della fanbase per la band non si è affievolito con il tempo: vengono da sempre considerati pionieri di un genere che continua a guardare a loro come fonte d’ispirazione fondamentale.
Nel 2007 i Jawbreaker si riuniscono in studio in occasione delle riprese del documentario sulla loro storia, smentendo tutte le voci a proposito di una possibile reunion. Che è accaduta, invece, circa dieci anni dopo con la loro prima riapparizione in pubblico al Riot Fest di Chicago. E ora, finalmente, con il tour che vede finalmente il ritorno sul palco di una band che ha lasciato una traccia indelebile nella storia della musica rock.

Newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi