Cani e gatti non sono fonte di contagio come confermato da fonti scientifiche

Un concetto che ancora fa fatica ad affermarsi nonostante sia stato ripetuto più volte: cani e gatti non sono fonte di contagio come confermato da fonti scientifiche. Anzi, sono loro che rischiano di essere infettati dagli umani.

Negli ultimi giorni è tornato alla ribalta il rapporto tra gli animali domestici e il coronavirus Covid-19, mettendo in allarme molti animalisti e proprietari di cani e gatti. Leggendo con attenzione alcuni articoli apparsi in questi giorni, però, si ha la conferma che non c’è nessuna prova che i nostri amici a 4 zampe possano in qualche modo essere responsabili di contagio. In un comunicato stampa, il direttore del Dipartimento sicurezza alimentare, nutrizione e sanità pubblica veterinaria dell’Istituto Superiore di Sanità, Umberto Agrimi, afferma che gli animali Vivendo in ambienti a forte circolazione virale a causa della malattia dei loro proprietari, potrebbero, in casi rari, contrarre l’infezione. Ma, nei casi osservati, gli animali sono stati incolpevoli ‘vittime’. Non esiste infatti alcuna evidenza che cani o gatti giochino un ruolo nella diffusione epidemica.

Allo stesso modo, la WSAVA (World Small Animal Veterinary Association) – dichiara, “Ci sono ancora molte informazioni mancanti sul SARS-CoV-2. La priorità è controllare il focolaio umano il prima possibile. Siamo tuttavia preoccupati per il benessere animale, a causa di notizie che riportano abbandoni o uccisioni di animali da compagnia soltanto a causa del timore, ad oggi ingiustificato, sul loro possibile ruolo nell’epidemia di COVID-19”.

“Ancora una volta bisogna ribadire un concetto che ripetiamo dall’inizio di questa tremenda epidemia e che viene confermato da fonti scientifiche: gli animali non sono fonte di contagio. Anzi, sono loro che rischiano di essere infettati dagli umani”, ricorda Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection.

“Vorrei comunque invitare i giornali a una maggiore responsabilità nella formulazione dei titoli perché è un dato di fatto che purtroppo molte persone si fermano a quelli e non approfondiscono leggendo l’intero articolo. Pertanto, alcuni titoli fuorvianti o parziali possono diffondere altro allarmismo di cui al momento non c’è davvero bisogno”, conclude Rosati.

Guarda anche...

giuseppe conte

Nuovo DPCM del 25 ottobre

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400;Visto il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi