eventi post covid

Chi l’ha detto che gli eventi sono finiti? Ecco gli eventi di nuova generazione post-covid

Evento sold-out in 24 ore, con il nuovo modello “post-covid” di Grotta di Babbo Natale.

Trasformare le “limitazioni” in vantaggi per i visitatori e il territorio: è quanto è riuscito a fare il nuovo format elaborato da Grotta di Babbo Natale, società che organizza eventi non solo a Natale ma tutto l’anno in diverse località italiane.

Un modello premiato dai visitatori che in meno di 24 ore hanno esaurito tutte le disponibilità previste per il primo appuntamento, in programma sabato 20 giugno al Lago delle Rose di Ornavasso (Verbania), con “pic-nic con prodotti tipici, ricerca dell’oro, tiro con l’arco e rilascio in natura di una nuvola di cento farfalle”.

Un successo per molti aspetti imprevedibile, che ha spinto gli organizzatori a programmare già una seconda data, sabato 4 luglio.

Ecco il programma dell’evento: https://www.grottadibabbonatale.it/it/sabato-20-giugno-prodotti-tipici-con-ricerca-delloro-e-rilascio-farfalle
Nuovo anche il format che prevede, oltre al pic-nic con prodotti tipici, un momento dal forte significato simbolico: il rilascio in natura di una nuvola di 100 farfalle autoctone, mentre durante la giornata a piccoli gruppi i partecipanti potranno cercare e portare a casa vere pagliuzze d’oro e provare il tiro con l’arco.

“Un modello positivo non basato sulle limitazioni ma sulla qualità”- spiega Antonio Longo Dorni, ideatore dell’iniziativa – “più creatività, organizzazione, sicurezza, salute, più tecnologia, servizi, flessibilità, più natura e meno sprechi”.

“Attrezzature e piattaforma informatica saranno a disposizione anche di altri organizzatori alle prese con le attuali normative” – assicura Antonio Longo Dorni.

Alla base del nuovo modello c’è infatti un sistema di prenotazione on line basato sugli spazi, così da garantire ad ogni famiglia il distanziamento, migliorare il servizio e al tempo stesso ottimizzare la gestione economica degli eventi, evitando sprechi.

I visitatori scelgono subito on line i propri tavoli su una mappa grafica, come avviene ad esempio per i posti in aereo o a teatro, così che famiglie amiche possano mantenersi “vicini ma lontani”.

Attraverso la prenotazione vengono subito raccolti anche i nominativi dei partecipanti ed i menù, a base di prodotti tipici ma con varianti anche per vegetariani e celiaci: all’arrivo ciascuno troverà i propri spazi riservati e sarà servito al tavolo con i menù preferiti.

“La formula pic-nic in mezzo alla natura è stata molto apprezzata dai visitatori” – spiega Longo Dorni – “ e anche dal ristoratore che potrà già predisporre prodotti e servizi”.

In questo modo l’evento sarà più sostenibile, anche nella riduzione degli sprechi, consentendo di contenere i costi nonostante il maggior numero di servizi.

“Abbiamo valorizzato inoltre tutte le nostre attrezzature per la gestione dei flussi” – spiega Longo Dorni – “che sono state già richieste anche da altri eventi, mentre per la sanificazioni ci siamo dotati di nuovi macchinari molto più veloci e adatti ad esempio per sanificare frequentemente i bagni, le sedie per gli spettacoli o le attrezzature utilizzate”.

Ancora più forte sarà inoltre il legame tra l’evento e il territorio, in quanto i visitatori saranno guidati a scoprire tutta l’area storica e naturalistica che dalla Linea Cadorna si estende fino all’Antica Cava di marmo e al Santuario del Boden, dove, in collaborazione con la Parrocchia di Ornavasso sarà allestita un’esposizione temporanea dedicata agli ex-voto relativi a pestilenze e malattia, visitabile con il supporto di una guida turistica.

“La digitalizzazione delle informazioni, dei sistemi di comunicazione, di prenotazione e di pagamento” – conclude Longo Dorni – “renderà ancora più diretto ed intimo il contatto con la natura e il territorio, perchè per noi è fondamentale far vivere ai nostri clienti delle esperienze uniche e reali”.

Guarda anche...

coronavirus

Coronavirus, mercoledì 3 giugno il flashmob degli infermieri In piazza Duomo

Giannoni (Nursind), “Ci hanno chiamati eroi e poi si sono scordati di noi: sparito il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi