Riapertura mostra oltre la profezia Sergio Vacchi

Siena, Santa Maria della Scala

San Galgano fino al 1 novembre 2020

Ingresso gratuito tutti i giorni dalle ore 10.30 alle ore 18.00

Fino al 1 novembre sarà possibile visitare al Santa Maria della Scala, nella Sala Galgano, una selezione di lavori esposti durante la mostra Oltre la profezia Sergio Vacchi 1952- 2006.

Esposizione che purtroppo ha coinciso quasi esattamente con il periodo di restrizione dovuto alla pandemia. Per questo motivo, dopo un prolungamento della mostra fino al 5 luglio, il Comune di Siena d’accordo con la Fondazione Sergio Vacchi, ha deciso di adattare una sala all’esposizione di una parte di quella mostra.

Questa selezione di grande tele, mostrano ancora una volta le tappe della vita artistica di Vacchi, che ha conosciuto periodi di notorietà ampi e brillanti tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso. Sottolineano soprattutto la sua capacità combinatoria e citazionista dell’artista, che frequenta la cultura del XX secolo con una disinvoltura tipica di un personaggio che si sente a proprio agio solo conversando con Pablo Picasso, Marcel Proust, Mikhail Bulgakov, Greta Garbo e Giorgio De Chirico.

SERGIO VACCHI
Nato a Cartenaso di Bologna nel 1925, Sergio Vacchi, senza seguire studi regolari si accosta inizialmente ad una pittura influenzata dal post cubismo e da Picasso. Dopo un breve periodo in cui tenta di recuperare, come lui stesso afferma, la lezione di Cézanne, dipingendo boschi, paesaggi e scene di vita emiliana, alla fine degli anni Cinquanta si avvicina, per qualche anno, all’informale. La svolta stilistica si compie nel 1959 quando si trasferisce a Roma, dove la sua pittura, benché ancora informale si va sempre di più accostando a quella figuratività che è propria del suo operare. I suoi maestri diventano i grandi artisti europei come Marx Ernst, Otto Dix, Bacon, De Chirico, e la sua pittura risente fortemente dell’espressionismo nato nel vecchio continente ma caratterizzata da una capacità compositiva e descrittiva originalissima, e da una pittura di grande e grandissimo formato, secondo una personale e suggestiva concezione del mondo che lo circondava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi