teatro la scala

Teatro La Scala ve in scena “A riveder le stelle”

Il 7 dicembre “A riveder le stelle” diretta da Riccardo Chailly con la regia di Davide Livermore. Vi ricordiamo l’appuntamento televisivo su Rai 1, radiofonico su Radio 3 e in streaming su RaiPlay a partire dalle ore 17 (inizio collegamento Rai alle ore 16.45). Per il pubblico internazionale, la visione è possibile su Arte e Medici.tv.
Vi invitiamo inoltre a seguire lo spettacolo sfogliando il programma di sala digitale che troverete sul nostro sito.

Sul palcoscenico del Teatro, per l’occasione rivoluzionato e ampliato su tutta la platea, Orchestra e Coro accompagneranno 24 grandi cantanti internazionali in una rassegna di voci che ha pochi eguali nella storia del teatro musicale: Ildar Abdrazakov, Roberto Alagna, Carlos Álvarez, Piotr Beczala, Benjamin Bernheim, Eleonora Buratto, Marianne Crebassa, Plácido Domingo, Rosa Feola, Juan Diego Flórez, Elīna Garanča, Vittorio Grigolo, Aleksandra Kurzak, Francesco Meli, Camilla Nylund, Kristine Opolais, Lisette Oropesa, George Petean, Marina Rebeka, Luca Salsi, Andreas Schager, Ludovic Tézier, Sonya Yoncheva.

A completare la serata, tre momenti di balletto con protagonisti l’étoile Roberto Bolle,i primi ballerini Timofej Andrijashenko, Martina Arduino, Claudio Coviello, Nicoletta Manni e Virna Toppi e i solisti Marco Agostino e Nicola Del Freo. I brani saranno diretti da Michele Gamba. Sarà anche l’occasione per l’esordio da direttore del Corpo di Ballo di Manuel Legris, che porterà una sua nuova creazione su musiche di Verdi.

Si ringraziano i Partner della serata: Intesa Sanpaolo, Edison, Rolex, BMW e Fondazione Banca del Monte di Lombardia.

Guarda anche...

ornella vanoni

Ornella Vanoni guest star de “La Compagnia del Cigno 2”

Mentre UNICA, il suo recente album di inediti, continua a riscuotere il meritato successo e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.