fai bei sogni

Museo del Saxofono. Omaggio alla musica dei film di Woody Allen

Il primo week-end di luglio al Museo del Saxofono, la rassegna “Fai bei suoni”, propone due concerti dedicati rispettivamente alla musica jazz e alla classica.

Sabato 3 luglio è di scena la formazione di Luca Velotti, ovvero l’ancia elegante del jazz italiano, leader storico dell’orchestra di Paolo Conte, in un originale omaggio alla musica dei film di Woody Allen, riarrangiati dallo stesso Velotti e interpretati insieme a Michele Ariodante, Vincenzo Florio e Carlo Battisti.

Un percorso che ripercorre molti brani del repertorio di Cole Porter, Jerome Kern, George Gershwin, Duke Ellington, Coleman Hawkins, Sidney Bechet, Benny Goodman e Louis Armstrong, solo per citarne qualcuno.

Lo stesso Velotti spiega la genesi di tale progetto: “Durante il lockdown noi musicisti eravamo fermi a casa, senza sapere quando saremmo potuti tornare a suonare dal vivo. In quei giorni mi è venuta voglia di rivedere i film a cui sono più affezionato e che mi accompagnano da tanti anni. Un cinema che è un meraviglioso antidoto anche contro la noia e la tristezza del periodo che abbiamo passato.

Quando andiamo a vedere un suo film sicuramente sappiamo già che sarà un meccanismo perfetto, una ricetta con ingredienti eccezionali: una trama di ferro, set interessanti, un po’ questioni filosofiche, tante battute esilaranti, attori formidabili e per noi amanti del jazz una certezza, quella di scoprire di film in film le esecuzioni più emozionanti delle nostre canzoni preferite.

E così, adesso che siamo liberi di suonare e stare insieme sono felice di condividere con voi queste canzoni, molte le riconoscerete, sono nelle colonne sonore di “Radio Days”, “Zelig”, “Manahattan”, “Io e Annie”, “Accordi e Disaccordi”, “Midnight in Paris,” e comunque, come direbbe Woody Allen “ tutte canzoni che ti insegnano a amare la musica”.

Domenica 4 luglio il repertorio proposto dall’ensemble Le ance semplici è invece dedicato ad un ampio panorama di compositori, tra cui Bach, Rossini, Mendelssohn, Weber, Saint-Saëns, Rabaud, Absil e Beethoven. Il progetto “Da Bach al ‘900” compie un tragitto musicale europeo che passa da Francia, Germania, Belgio e Italia affidandosi a un solo linguaggio, le note del clarinetto, unico strumento a fiato insieme al saxofono, che può realizzare una gamma infinita di sfumature, pianissimi appena sussurrati oppure fortissimi “urlati ai quattro venti” e tutto questo per merito dell’ancia.

La piccola linguetta di canna che, con la sua vibrazione a contatto con l’imboccatura, permette la creazione del suono. Croce e delizia degli strumenti a fiato, insieme all’imboccatura, costituisce l’elemento più importante nella produzione del suono. Elemento particolare, prezioso e delicato ad un tempo rappresenta il punto critico in cui il musicista inizia a compenetrarsi con il suo strumento e realizza la sua massima potenzialità artistica determinando la tipologia del timbro prodotto dallo strumento.

Ogni concerto, in programma alle ore 21:30, è anticipato da un’apericena (opzionale). I biglietti sono in vendita al Museo o sul circuito liveticket.it

LUCA VELOTTI

Clarinettista e sassofonista, compositore e arrangiatore.

Diplomato in clarinetto, approfondisce gli studi con il musicista americano Bob Wilber.

Frequenta i Workshop di Bill Smith.

Nell’area newyorkese ha lavorato e registrato a fianco di musicisti quali Kenny Davern, Bob Wilber, Al Casey, Toots Thielemans, George Masso, Dan Barrett, Scott Hamilton, Ken Peplowski, Dick Sudhalter, Bill Crow, Bill Smith, Tony Scott, Leonard Gaskin, Frank Vignola, Howard Alden, Joe Ascione, Evan Christopher, Randy Sandke, Rossano Sportiello, partecipando fra l’altro come ospite speciale ai concerti della Sidney Bechet Society.

Dal 1992 è il clarinettista e sassofonista della band di Paolo Conte con il quale ha suonato nelle più importanti sale da concerto (Olympia, Salle Pleyel, Royal Albert Hall, Philarmonie di Berlino, Chicago Symphony Hall, Montreux Jazz Festival, North Sea Jazz Festival, Jazz Fest Wien, Festival International Jazz Barcelona, Nice Jazz Festival, JVC Jazz Festival N.Y., Umbria Jazz, etc.).

Viene menzionato nel “Dizionario del Jazz” (“Dictionnaire du jazz”) di P.Carles, A. Clergeat, J.Louis Comolli, 2008 A. Mondadori.

Velotti ha inoltre sviluppato la sua vena compositiva in molteplici colonne sonore, spot pubblicitari per la televisione e il cinema: ha collaborato fra gli altri con E. Morricone, N. Piovani, A. Trovajoli.

E’ stato docente di sassofono jazz al Conservatorio “L.D’Annunzio” di Pescara e di clarinetto jazz al Conservatorio “A.Casella” dell’Aquila.

LE ANCE SEMPLICI

Le Ance Semplici sono un ensemble di studenti del Liceo Musicale “Farnesina” di Roma, un laboratorio “in progress” che da tempo si misura con obiettivi sempre più importanti e che ha già partecipato ad importanti concorsi nazionali come il Concorso Sette Note Romane e il Premio Musicale “Matteo Candino”, dimostrando tutto il loro valore e il desiderio di farsi conoscere ed apprezzare dal grande pubblico.

Tutor dell’ensemble sono i docenti Cecilia Pascale (pianoforte) e Giorgia Clementi (clarinetto).

Il programma proposto dal gruppo concerne la letteratura del clarinetto di cui fa parte anche il brano di Jean Absil, scritto dal compositore come eseguibile dal clarinetto o dal saxofono, e che in questo concerto sarà eseguito al sax alto da Ludovica Ovidi, studentessa della classe di saxofono del M° Biagio Orlandi.

Ensemble “Le Ance Semplici”

Collaboratore al Pianoforte: M° Cecilia Pascale

Direttore: M° Ovidio Ovidi

Sabato 3 luglio – Ore 21:30

LUCA VELOTTI 4TET

WOODY ALLEN MOVIE MUSIC

Luca Velotti – sax tenore, soprano, clarinetto

Michele Ariodante – chitarra e voce

Vincenzo Florio – contrabbasso

Carlo Battisti – batteria


Domenica 4 luglio – Ore 21:30

LE ANCE SEMPLICI ENSEMBLE

Da Bach al ‘900

Francesco Alberto Russo, Simone Pinti, Piero Mariotti, Giorgia Clementi – clarinetti

Jacopo Ferrai – clarinetto basso

Ludovica Ovidi – saxofono

Cecilia Pascale – pianoforte

Ovidio Ovidi – direttore

Musiche di G. Rossini, C. Saint-Saëns, J. S. Bach,

C. M. Von Weber, F. Mendelssohn e L. van Beethoven


Museo del Saxofono

via dei Molini snc (angolo via Reggiani)

00054 – Maccarese, Fiumicino (RM)

MODALITA’ E TEMPI DI ACCESSO AI CONCERTI
ore 20:00 apericena – ore 21:30 concerto

SABATO SERA
Ingresso consentito fino ad un massimo di 70 partecipanti
Biglietto concerto: € 15,00 – Apericena: € 10,00

DOMENICA SERA
Ingresso consentito fino ad un massimo di 50 partecipanti
Biglietto concerto: € 7,00 – Apericena: € 10,00

Prevendita su
https://www.liveticket.it/museodelsaxofono

Guarda anche...

Dardust

Dardust è pronto per la prossima tappa

Dopo il magico show di Pesaro, Dardust è pronto per la prossima tappa del suo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.