pino insegno

“60 sfumature del grigio” di e con Pino Insegno rimandato a maggio

È stato rimandato al 28 maggio lo spettacolo “60 sfumature del grigio” di e con Pino Insegno in programma al Teatro Garden di Rende per la rassegna “Primo Atto”, a causa di sopraggiunti impegni televisivi del noto showman romano, come previsto dal contratto nazionale degli artisti.

Il cartellone promosso dall’Associazione Culturale Novecento con la direzione artistica di Benedetto Castriota continua con due imperdibili appuntamenti al Teatro Sybaris di Castrovillari, che vedranno protagonisti il cantautore folk Santino Cardamone, in concerto venerdì 1° aprile alle ore 21:00, e la compagnia Scena Verticale, in scena domenica 3 aprile alle 18:30 con “Re Pipuzzu fattu a manu”.

«Abbiamo dovuto rinviare lo spettacolo di Pino Insegno a causa di impegni televisivi dell’artista, ma “Primo Atto” continua con due appuntamenti fra musica e teatro, che puntano a sostenere gli artisti della nostra terra e a coinvolgere pubblici diversi, per supportare il settore dello spettacolo dal vivo in questo momento di ripresa – ha dichiarato il direttore artistico Castriota –.

Si parte venerdì sera con il travolgente concerto del crotonese Santino Cardamone, mentre domenica andrà in scena la pluripremiata compagnia castrovillarese Scena Verticale con un racconto magico, adatto a grandi e piccoli».

Nato e cresciuto a Crotone, Santino Cardamone è un artista dallo stile interpretativo e inconfondibile. Il suo marchio è una raffinata rabbia che traspare nei suoi testi che raccontano la voglia di riscatto della gente del Sud. Il nuovo disco “Uomini Ribelli” conferma la maturazione artistica del cantautore.

L’album è stato anticipato dal singolo “La canzone del mulo”, un brano dal sound morbido e d’impatto che racconta di illusioni, del mondo schiavo dei social network e che guarda in avanti, sperando in un futuro migliore.

Scena Verticale ritorna a Primo Atto con “Re Pipuzzu fattu a manu” di e con Dario De Luca e Gianfranco De Franco, una fiaba magica che ha messo radici proprio in Calabria, fra gli ulivi e i castagni, e che porterà gli spettatori in un ipnotico viaggio tra l’onirico e il reale.

Antico racconto recuperato grazie al lavoro di Letterio di Francia e tratto dalla riscrittura di Marcello D’Alessandro, quella di Re Pepe è una storia nella quale il vero protagonista non è il re del titolo, ma una donna: una reginotta sicura del fatto suo e capatosta che, di fronte all’insistenza del padre perché́ si trovi un marito, decide di prendere farina e zucchero e di impastarselo con le sue mani.

Guarda anche...

amadeus

Amadeus torna all’Arena di Verona con una data in più

Dopo il successo dello scorso anno, AMADEUS torna all’Arena di Verona il 12, 13 e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.