avis donazione sangue

A scuola per donare il sangue


Grande partecipazione degli studenti dell’Istituto tecnico S.Ruju alla raccolta sangue organizzata davanti alla scuola di via Porcellana dall’Avis, dall’Admo e dal centro trasfusionale dell’Aou di Sassari.

Donare il sangue è roba da grandi? Emozionati e con un po’ di timore, ma determinati a compiere un gesto nobile, gratuito e solidale. Gli studenti dell’Istituto tecnico Salvator Ruju durante la mattinata del 27 settembre, hanno risposto con entusiasmo all’appello dell’Avis, dell’Admo (Associazione donatori di midollo osseo) e del centro trasfusionale dell’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari.

Un inizio di anno scolastico che è partito nel migliore dei modi con il progetto “A scuola con l’Avis”, un’iniziativa di sensibilizzazione sul tema della donazione del sangue, degli emocomponenti e delle cellule staminali ematopoietiche.

Una grande partecipazione di studenti e insegnanti che ha consentito la raccolta di 23 sacche di sangue davanti alla scuola di via Porcellana e l’iscrizione al registro dei donatori di midollo osseo.

Diventati maggiorenni da poco tempo e già consapevoli dell’importanza di donare il sangue. «I miei genitori sono sempre stati donatori e in questo modo aiutano le persone. Anche io – afferma Francesca, una studentessa del quinto anno –  ho deciso di farlo oggi e in questo modo posso essere utile».

 Importante il ruolo della famiglia ma anche della scuola che, ormai da alcuni anni, organizza degli incontri formativi e informativi sull’argomento.

Per l’occasione l’Avis ha fornito due autoemoteche davanti alla scuola di via Porcellana e il personale, prevalentemente medici e infermieri, ha spiegato ai ragazzi che con la donazione non si hanno effetti collaterali e anzi fa bene perché favorisce la riproduzione dei globuli rossi.

Giovani diciottenni frequentanti le quarte e le quinte classi, in prevalenza ragazze, che dopo la visita in cui il medico ha misurato l’emoglobina e la pressione, hanno dimostrato sensibilità e coscienza civica.

«Ho deciso di donare per il bene degli altri e lo faccio volentieri – ha dichiarato Angelo, uno studente dell’Istituto – e sto pensando anche di iscrivermi al registro dei donatori di midollo osseo».  

«Quella di oggi è una giornata importante – ha affermato Viviana Cotza, dirigente medico del servizio trasfusionale e presidente dell’Admo – e la partecipazione attiva dei ragazzi che sono qui per donare il sangue e per iscriversi al registro, dimostra quanto siano importanti i momenti di formazione e di sensibilizzazione che facciamo nelle scuole». 

Il midollo osseo, come il sangue, è un emocomponente che può essere solo donato e non può essere prodotto artificialmente. Le possibilità di trovare un donatore compatibile sono molto basse è quindi importante «parlare con i ragazzi e spiegare loro che non ci sono controindicazioni alla donazione – ha proseguito la dottoressa Cotza –  e che, chi si iscrive al registro, diventa un potenziale donatore».

Un’organizzazione efficiente della scuola insieme al contributo importante di Avis, di Admo e del centro trasfusionale dell’Aou di Sassari, ha consentito un’ottima riuscita dell’iniziativa. 

Alcune informazioni utili

Possono iscriversi al registro donatori di midollo osseo persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni di età e che godono di buona salute. Per iscriversi è sufficiente un semplice prelievo di sangue.

Possono donare il sangue i soggetti di età compresa tra i 18 e i 65 anni e in buone condizioni di salute e persone che, guarite, hanno avuto il Covid-19.

Al Centro trasfusionale di via Monte Grappa è presente l’ambulatorio dedicato alla donazione del sangue e degli emocomponenti in cui si effettua la valutazione dei donatori di sangue e dei donatori di cellule staminali ematopoietiche.

Per le prenotazioni i donatori possono chiamare, dalle 8 alle 14, i numeri 079 20.61.462 oppure 079 20.61.496. Dalle 15 alle 19 possono telefonare allo 079 20.61.625.

Per donare nella sede dell’Avis comunale è possibile chiamare lo 079 25.25.77 dalle 8 alle 14 e al numero di cellulare 370 14.34.967.

Per l’Avis provinciale, infine, è possibile chiamare al numero 079 25.00.00.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.