Parlamento europeo

Cirio, messa in mora del Regno Unito su etichette a semaforo, vittoria del made in Italy

Bruxelles, 2 ottobre 2014.Quella di oggi è una giornata importante per tutte le eccellenze agroalimentari del made in Italy”. Così l’eurodeputato Alberto Cirio (PPE/FI) commenta la decisione assunta dalla Commissione europea di inviare al Regno Unito una lettera di messa in mora per le etichette a semaforo – che bollano le nostre prelibatezze come malsane – considerate una violazione delle norme del mercato interno e una barriera alla libera circolazione dei prodotti. Il governo britannico avrà due mesi per rispondere ai rilievi dell’Esecutivo UE, prima dell’avvio di una procedura di infrazione.

Prodotti italiani conosciuti e apprezzati in tutto il mondo per la loro grandissima qualità, come il parmigiano reggiano o il prosciutto crudo di Parma, la Nutella, ma anche il latte, l’olio extravergine d’oliva, il miele e la marmellata, la mozzarella e in generale quasi tutti i nostri formaggi, rischiano con questo sistema il bollino rosso – continua l’eurodeputato – e lo stesso vale per la stragrande maggioranza di salumi e insaccati. Un danno per l’economia italiana che viene stimato in oltre 700 milioni di euro. La verità è che, con il giochino dei surrogati pieni di conservanti ma con poco sale o poco zucchero, le etichette a semaforo fanno bene solo alla grande distribuzione britannica e distruggono la produzione italiana di qualità. Quello di oggi, quindi, è un risultato importante e su di esso mi sono battuto fin dal mio ingresso al Parlamento europeo nella Commissione che si occupa della sicurezza alimentare”.

Iscriviti alla Newsletter (16370)

 

[post-marguee]

Guarda anche...

strasburgo

Europa. Punti chiave della plenaria

Punti chiave della plenaria: Certificato COVID, Premio LUX, biodiversità Nella settimana del rientro a Strasburgo, …

Un commento