Eventi

Duran Duran icone di stile e musica, premiati a Milano

Duran Duran

I Duran Duran, band idolo delle adolescenti anni Ottanta, sono stati premiati da Letizia Moratti come "innovatori non solo nel campo musicale, ma anche in quello del costume e della moda". A Simon Le Bon, John Taylor, Nick Rhodes e Roger Taylor, che stasera si esibiranno al Teatro dal Verme, il sindaco di Milano e l'assessore alla Moda ed eventi Giovanni Terzi hanno consegnato una pergamena da parte della citta', stamane a Palazzo Marino, nell'ambito delle iniziative di Milano Loves Fashion. "Sono molto felice - ha affermato la Moratti - di avere qui a Milano i Duran Duran, un gruppo leggendario che ha fatto la storia della musica. Un gruppo che ama molto la nostra citta' e che sta seguendo con attenzione gli sviluppi e le prospettive di Expo Milano 2015. Oggi gli consegniamo un riconoscimento per rendere omaggio alla loro capacita' di suscitare emozioni, di interpretare le nuove tendenze, grazie al loro straordinario talento". "Per la nostra citta' e' un onore ospitare artisti importanti e di fama internazionale come i Duran Duran", ha aggiunto Terzi che, con la band, ha poi incontrato i giornalisti. "Il loro arrivo ha suscitato cosi' forti emozioni nei milanesi (e non solo), che abbiamo chiesto loro di tornare, a luglio, nell'ambito del Milano Jazzin' Festival. Quello estivo sara' quindi un grande concerto cui tutti potranno assistere". "Accogliere i Duran Duran, maestri della musica, all'interno della settimana della moda - ha concluso - significa riconoscere che la creativita', di cui la nostra citta' si fa spesso portavoce, ha infinite facce e infinite possibilita' di contaminazione, purche' sia basata sull'originalita' e sulla qualita'".
Nel testo della pergamena consegnata alla band si legge: "I Duran Duran sono una delle piu' amate e popolari band musicali del mondo, una leggenda nel panorama artistico internazionale di tutti i tempi. Trent'anni di carriera, oltre 85 milioni di dischi venduti, 29 album prodotti, sempre ai vertici di tutte le classifiche. Ricordiamo alcuni degli album piu' importanti della band inglese, come Duran Duran, che ha segnato il debutto del gruppo, Rio, Seven and the Ragged Tiger, Arena, il primo album live, Notorius. Hanno ricevuto i piu' importanti riconoscimenti internazionali, tra cui 18 dischi di platino e 2 Grammy Awards. La citta' di Milano, capitale della moda e del design, in occasione delle iniziative di Milano Loves Fashion celebra i Duran Duran come icone di stile, innovatori non solo nel campo musicale ma anche in quello del costume e della moda.
Hanno sempre saputo rinnovare il proprio look e dettare le nuove tendenze, mantenendo pero' uno stile personale che ha rappresentato un punto di riferimento per piu' generazioni.
Milano rende omaggio a questi artisti straordinari e alla loro capacita' di suscitare emozioni, grazie al loro genio musicale e alla loro creativita'". (AGI) .
 

 

Leggi Tutto

Martina Colombari presenta il libro “La vita è una”

Martina Colombari

Martina ha solo sedici anni quando viene eletta Miss Italia nel 1991. La sua vita da adolescente della provincia romagnola è stravolta: passerelle, copertine, interviste e la relazione con il campione di sci Alberto Tomba; poi programmi in tv e radio, ruoli cinematografici, tanti incontri importanti da Sean Penn a Berlusconi. Aggiungiamo il colpo di fulmine con l’ex difensore del Milan Alessandro Costacurta, con cui coronerà il

sogno di un matrimonio felice e della maternità, e la sua storia diventa quella di una ragazza che dalla vita ha avuto tutto. Ma nell’autunno 2007, di fronte alle immagini della Repubblica di Haiti devastata dalla povertà ecco il colpo di scena: Martina parte per l’inferno tropicale per lavorare fianco a fianco con i volontari della Fondazione Rava. Affronta la fatica, l’orrore degli obitori, il dramma di un Paese dove l’80 per cento della popolazione vive con meno di due dollari al giorno e un bambino su tre non arriva a compiere cinque anni. In Italia raccoglie fondi, promuove campagne, intensifica il suo impegno dopo il terribile terremoto del gennaio 2010. Perché se anche ha fatto molta strada da quel palco del 1991, il viaggio è appena cominciato.

 

Interviene Giuseppe di Piazza Direttore di Sette


Mondadori Multicenter

Piazza Duomo 1 - Milano

LUNEDI’ 28 FEBBRAIO  ALLE ORE 18.30

SPAZIO EVENTI – 3° PIANO

LIBRI

Leggi Tutto

The Original Wailers in tour in Italia

Il gruppo porta avanti lo spirito e l’influenza musicale create da Bob Marley e da Aston 'Familyman' Barrett, che guida ancora la band in tour per il mondo.

Riconosciuto come l’architetto del reggae, 'Familyman' ha creato un genere musicale che ha conquistato il mondo quando poi, in qualità di bassista e direttore musicale, si è unito a Bob Marley. 'Familyman' e la sua band, The Wailers, hanno continuato a fare concerti in tutto il mondo senza lasciar dubbio sull’eredità musicale creata da lui e da Bob Marley. The Wailers rimangono la band di reggae che non può essere eguagliata per profondità e qualità dei loro brani celebri e il loro richiamo ancora unisce folle in tutte le parti del mondo. (ticketone)

Le date:
14 aprile Roma, Atlantico
15 aprile Bologna, Estragon
16 aprile Torino, Hiroshima mon Amour

Leggi Tutto

Sufjan Stevens, in concerto in Italia a maggio

Dopo anni di attesa, arriva per la prima volta in Italia Sufjan Stevens, per presentare il recente ed acclamato The Age of Adz, uscito in Italia per Asthmatic Kitty /Goodfellas.

The Age of Adz è il primo vero album di brani originali di Sufjan dal lavoro del 2005 ILLINOIS.

Si tratta probabilmente del suo album più particolare, sia per la mancanza di una base concettuale dominante, com'era avvenuto con i primi lavori, sia perchè qui Sufjan rinuncia alle tecniche precedenti di storytelling in favore di proclami più primitivi, istintivi e liberi.

Il risultato è un album più vibrante, urgente e più esplicito di qualunque suo lavoro precedente. I temi sviluppati in The Age of Adz non sono storici o polemici, ma personali e universali: l'amore assoluto, il sesso, la morte, la malattia, l'ansia e il suicidio sono i soggetti che si annodano su un tappeto di brani pop elettronici che trasmettono un senso di immediatezza, urgenza e ansia inedite nella musica del cantautore statunitense.

Gli elementi “cosmici” sono resi più intensi dalle sonorità utilizzate in questo album, deliberatamente elettronico, caratterizzato da un ampio uso di sintetizzatori. Le chitarre acustiche e i banjo sono stati rimpiazzati da drum machine e sintetizzatori analogici. Loop, samples e effetti digitali gorgogliano sotto ogni verso e ritornello. Per coloro che hanno familiarità con i primi lavori di Sufjan, (per es. Enjoy Your Rabbit) quest'incursione nella musica elettronica non dovrebbe stupire più di tanto. La differenza è che qui l'elettronica è parte integrante di una collezioni di canzoni, e la stessa voce è distorta e sporcata dai pedali e dagli effetti.

Inoltre l'album è fortemente caratterizzato dalla presenza di archi, ottoni, strumenti a fiato e di un ricco coro. Questi elementi live creano vivaci
giustapposizioni con l'elettronica, evocando una sorta di conflitto tra reale e irreale, tra ordinario e straordinario.
Questi temi sono perfettamente illustrati in The Age of Adz, che si ispira all'arte apocalittica di Royal Robertson (1930-1997), pittore nero della Louisiana, paranoico e schizofrenico, autoproclamatosi profeta, e il cui lavoro raffigura i sogni vividi del pittore, visioni di alieni, automobili futuristiche, mostri
eccentrici, e scene del Giudizio Universale, con un linguaggio che oscilla tra la profezia biblica e la mitologia nordica.

Tuttavia Robertson era anche un uomo dalla vita ordinaria, che viveva da solo in povertà in una roulotte e anche i suoi lavori più epici contengono strazianti riferimenti alla fame, alla solitudine al desiderio di intimità. Nello stesso modo l'immaginazione di Sufjan vaga irrequieta
tra oracoli e rivelazioni divine, mentre il suo corpo aspira al semplice contatto umano della persona amata, di un fratello, di un amico.

SUFJAN STEVENS in concerto

Martedì 24 maggio 2011 – Ferrara – Teatro Comunale
Apertura porte: Ore 20,00

Leggi Tutto

My Silver Booster, Lui Lei L’Altro e Garbo regista a caccia di volti femminili

Garbo & Luca Urbani

Perché proprio il 26 Febbraio? E’ il compleanno di qualcuno? Ci sono candeline da spegnere?

La musica da ascoltare non è affidata all’ugola dello spirito inquieto di Marilyn Monroe ma ai My Silver Booster che presenteranno in anteprima con un suggestivo showcase a base di suoni & immagini,  il nuovissimo disco “Galanti”, mentre Lui Lei L’Altro a seguire, mescoleranno sapientemente le carte musicali della carriera discografica di Nicodemo, Raffaella Destefano e di Luca Urbani.

 

Quando si parla di feste e di compleanni non può mancare la torta; la famosa “ciliegina” sulla stessa è rappresentata da Garbo che vestendo i panni di Mr. Corbijn arriverà al Tambourine per girare il videoclip di “Chissà Mai”, il singolo scelto per rappresentare “Catodico Praticante” il secondo album solista di Luca Urbani. Per far ciò è necessaria una massiccia presenza femminile:


A A A cercasi donne, donzelle e fanciulle disposte a metterci la faccia!!!

 

L’album di Luca Urbani verrà pubblicato da Discipline e distribuito da Venus Venerdì 22 Aprile, a ridosso di un altro illustre compleanno; ma questa è un’altra storia…

 

Per partecipare al videoclip, donne di qualsiasi tendenza sessuale, estrazione sociale, opinione politica, scelta stilistica e orientamento religioso, mandate una mail a: disciplinemusica@libero.it

 

La conclusione della serata sarà affidata al DJ Set di Hellzapop & Luca Urbani!
 Ingresso libero con Tessera Arci

 

Arci Tambourine di Seregno (MI)

 

Leggi Tutto

Ennio Morricone al Concerto del Primo Maggio

Ennio Morricone

150 ANNI DELL’UNITA’ D’ITALIA “LA STORIA SIAMO NOI” SUL PALCO IL PREMIO OSCAR ENNIO MORRICONE CON UN BRANO INEDITO SCRITTO APPOSITAMENTE PER IL CONCERTONE UNA GRANDE ORCHESTRA, LA ROMA SINFONIETTA, DI 72 ELEMENTI E UN CORO DI 60 VOCI


“La storia siamo noi” è il tema artistico scelto dai sindacati CGIL, CISL e UIL per

A ulteriore compimento dello spirito e del significato del Primo Maggio 2011 verranno celebrati alcuni nomi pienamente rappresentativi del sentimento di Unità Nazionale: da Dante Alighieri a Arturo Toscanini, da Totò a Pier Paolo Pasolini, da Anna Magnani a Gigi Riva, da Don Pino Puglisi a Rita Levi Montalcini.

 

il 1° Maggio 2011 in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia.
Su un palco totalmente rinnovato il Maestro Ennio Morricone dirigerà il brano “Elegia per l’Italia” da lui composto in occasione del Concerto. Sempre sul terreno delle celebrazioni ascolteremo il “Nabucco”, “Bella Ciao”, “Volare” e l’”Inno di Mameli”.
Saranno vari gli artisti che interagiranno con l’orchestra diretta dal Maestro Francesco Lanzillotta.
Si va intanto componendo il cast artistico del grande concerto, giunto alla 22esima edizione, che ogni anno raduna centinaia di migliaia di persone in una delle piazze simbolo della Capitale per celebrare la festa dei lavoratori.

Leggi Tutto

I Mammooth tra rock ed elettronica al Faenas Cafè

I Mammooth sono una band di Roma attiva dal 2001. Un sound romantico tra il rock e l’elettronica che vuole esplorare soluzioni sonore inusuali. Un filo conduttore tra il pop, il krautrock e la psichedelia che li ha portati a realizzare numerose colonne sonore per il cinema e per il teatro.

Sul palco Fabio Sabatini tastiere, Riccardo Bertini voce e chitarra, Luca Marinacci batteria, Roberto Mastrantonio chitarra, e Joy Angelini basso.

A seguire Dj set funky a cura di Funk Pope.

 

Sabato 26 febbraio Ore 22.30

Leggi Tutto

Eugenio Finardi domenica prossima all’Alpheus di Roma

Eugenio Finardi

Arriva all'Alpheus di Roma domenica prossima 'Eugenio Finardi Electric Tour 2011'. Il cantante torna nella Capitale dopo un periodo di assenza con alcuni dei suoi piu' noti successi riarrangiati in chiave rock ed elettrica.
Dopo il teatro canzone di 'Suono', il progetto 'Il Cantante Al Microfono' su Vladimir Visotsky (vincitore al Premio Tenco 2008) e le esibizioni al Teatro Alla Scala, Eugenio Finardi risponde ora al richiamo delle origini con una rock band di alto livello con la quale ritrovare il gusto di suonare nei club. La varieta' e quantita' di esperienze che Finardi ha vissuto e intrapreso nella sua decennale carriera non hanno fatto dimenticare che fu il primo a portare l'autentico spirito rock nella scena musicale italiana. Un'attesa rivisitazione dei classici del cantautore milanese che fara' ascoltare sotto una nuova veste canzoni simbolo come 'Extraterreste', 'Musica Ribelle', 'La Radio', 'Le Ragazze Di Osaka' e molte altre. Il concerto e' firmato 2PieR. (Adnkronos)

Leggi Tutto

Matteo Brancaleoni torna al Blue Note Milano

Martedì 15 marzo, alle ore 21, Matteo Brancaleoni torna ad esibirsi sul prestigioso palco del BLUE NOTE di Milano. 

Dopo aver incassato ripetuti SOLD OUT per il suo debutto nel 2007è la settima volta che il 29enne crooner, si esibisce nel locale milanese. 

Ritenuto ormai a più livelli uno degli interpreti italiani più di spicco del songbook americano, è stato premiato nel 2008 come Miglior Nuovo Talento ad Elba Jazz.  il suo debutto discografico "Just Smile" era stato accolto entusiasticamente da critica e pubblico. Nel 2010 il suo disco "Live In Studio" era rimasto primo nella classifica jazz di iTunes per due settimane, fatto che ha attirato l'attenzione dei media tanto da venire segnalato anche nella trasmissione Top Of The Pops in onda su Rai2. Il disco, dopo un anno, è tuttora in vetrina fra i "Live Jazz" consigliati dallo store della Apple a fianco di nomi come Norah Jones e Diana Krall. Si è esibito in Italia e all'estero (Francia, Svizzera, USA, Canada). Ha collaborato con jazzisti del calibro di Franco Cerri, Renato Sellani, Gianni Basso, Fabrizio Bosso è stimato da personaggi comei  Renzo Arbore, Fiorello e persino Michael Bublè, che nel 2007 al Roma, lo aveva invitato a duettare con lui dal vivo.  L'anno scorso, la Camera di Commercio del Texas, lo ha voluto a Houston e a Chicago, per esibirsi come unico artista italiano, per l' esposizione del "made in Italy" più grande del Nord America. Definito su ALL MUSIC "Il Bublè Italiano" , il pubblico dei suoi spettacoli ha il piacere di ascoltare una selezione di brani che da Broadway al pop, dai classici di Jerome Kern, Cole Porter, George Gershwin, Burt Bacharach come The Way You Look Tonight, My Way o Fly Me To The Moon, fino a quelli italiani di Paoli e Modugno come Il Cielo In Una Stanza e Volare. Un concerto fatto d' atmosfere intime e vellutate ma anche da più coinvolgenti swing, che si muovono in equilibro con quel giusto senso dell'entertainment proprio della tradizione dei grandi crooners del passato come Frank Sinatra e Dean MartinAd accompagnarlo il suo "quartet" composto da Nino La Piana (pianoforte), Gianpaolo Petrini (batteria), Roberto Chiriaco (cbasso), Fabrizio Veglia (chitarra).

Leggi Tutto

Raphael Gualazzi, il vincitore di Sanremo Giovani a Veneto Jazz Winter

Raphael Gualazzi

Raphael Gualazzi, il pianista e cantante vincitore di Sanremo Giovani con il brano “Follia d’Amore”, sarà ospite di Veneto Jazz Winter venerdì 11 marzo (ore 21.15) al BHR Treviso Hotel di Quinto di Treviso. Il concerto, già in programma prima della partecipazione alla manifestazione canora, rappresenta un gradito ritorno nella programmazione di Veneto Jazz, che ospitò l’artista nel 2008 alle Sale Apollinee del Teatro La Fenice nell’ambito di Venezia Jazz Festival.

Il pianista di Urbino (classe 1981) ha conquistato anche il premio della Critica “Mia Martini”, il Premio della sala stampa Radio e Tv e quello del Comune di Sanremo, oltre alla partecipazione all’Eurofestival, mettendo tutti d’accordo con un brano dalle atmosfere tipicamente swing, con testo e musica del giovane compositore, accompagnato nell’esibizione sanremese dal trombettista Fabrizio Bosso e prodotto da Caterina Caselli.

 

Con alle spalle un disco ("Love Outside the Window" nel 2005) e un'esperienza live che lo ha portato spesso ad esibirsi anche all'estero, il poliedrico artista Raphael Gualazzi è giunto all'attenzione del grande pubblico grazie alla cover di "Don't stop", la celebre hit degli anni '70 dei Fleetwood Mac, scelta come colonna sonora dello spot televisivo di Eni. Nel frattempo con il brano “Reality and Fantasy” nel remix di Gilles Peterson, entrato anche a far parte delle compilation Nova Tunes 2.2 e Hotel Costes ai vertici delle classifiche di vendita digitali in tutto il mondo, Raphael Gualazzi conquista l’air play di alcuni dei più prestigiosi network francesi e il primo dicembre debutta al Sun Side Club di Parigi, tempio della musica jazz.

 

Pianista, compositore, musicista eclettico e innovatore, il suo stile nasce dalla fusione della tecnica rag-time dei primi anni del '900 con la liricità del blues, del soul e del jazz nelle loro forme più tradizionali e che si miscela con influenze più recenti ed innovative assorbite da artisti quali Jamiroquai e Ben Harper. Il suo battesimo di fuoco è giunto la scorsa estate nel giro dei festival jazz europei, salutato sempre entusiasticamente dalla critica, e poi all'ultimo happening veneziano dell'Heineken festival. Gualazzi gioca a correre su e giù, piegato sulla tastiera, segue con il fisico la sua musica. Ritmi sincopati, a tempi di one step o quattro quarti, piano e forti a tratti fragorosi, altri quasi sottovoce. Una musica comunque allegra, solare, piena di energia.

 

Nel suo tour italiano e nella data trevigiana sarà accompagnato da: Christian Chicco Marini, batteria e percussioni; Manuele Montanari, contrabbasso, basso elettrico; Luigi Faggi Grigioni, tromba e flicorno; Max Valentini, sax baritono, sax contralto; Giacomo Pietrucci, sax contralto, sax alto, sax; Giuseppe Conte, chitarra.

 

 

Venerdì 11 marzo in scena al BHR Treviso Hotel il pianista e cantante di Urbino che ha vinto con “Follia d’Amore”

 

 

Leggi Tutto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi