Canada – Radio Web Italia https://www.radiowebitalia.it Radio On-Line, Notizie Musicali, Cinema, Spettacolo e tanto altro Wed, 21 Oct 2020 07:56:27 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.5.3 CETA: il Parlamento europeo approva l’accordo commerciale UE-Canada https://www.radiowebitalia.it/108272/tempo-deuropa/ceta-il-parlamento-europeo-approva-laccordo-commerciale-ue-canada.html Wed, 15 Feb 2017 12:47:14 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=108272 L’accordo economico e commerciale globale UE-Canada (CETA), che ha l’obiettivo di aumentare il commercio in beni e servizi e gli investimenti, è stato ratificato mercoledì dal Parlamento europeo. Questo storico accordo sarà applicato in via provvisoria già dall’aprile 2017. Dopo la votazione, il relatore Artis Pabriks (PPE, LV) ha dichiarato che “con l’adozione del CETA, …

L'articolo CETA: il Parlamento europeo approva l’accordo commerciale UE-Canada proviene da Radio Web Italia.

]]>
L’accordo economico e commerciale globale UE-Canada (CETA), che ha l’obiettivo di aumentare il commercio in beni e servizi e gli investimenti, è stato ratificato mercoledì dal Parlamento europeo. Questo storico accordo sarà applicato in via provvisoria già dall’aprile 2017.

Dopo la votazione, il relatore Artis Pabriks (PPE, LV) ha dichiarato che “con l’adozione del CETA, abbiamo preferito l’apertura, la crescita e standard elevati al protezionismo e alla stagnazione. Il Canada è un Paese con il quale condividiamo valori comuni e un alleato sul quale possiamo fare affidamento. Insieme possiamo costruire ponti, invece di un muro, per la prosperità dei nostri cittadini. CETA sarà un punto di riferimento per gli accordi commerciali futuri in tutto il mondo”.

L’accordo è stato approvato con 408 voti in favore, 254 voti contrari e 33 astensioni.

Rilanciare il commercio – L’accordo CETA eliminerà i dazi sulla maggior parte dei beni e dei servizi e prevede il mutuo riconoscimento della certificazione per una vasta gamma di prodotti. Il Canada aprirà il mercato degli appalti pubblici federali e municipali alle imprese europee (per il Canada il mercato europeo è già accessibile). I fornitori europei di servizi quali il trasporto marittimo, le telecomunicazioni, l’ingegneria, i servizi ambientali e la contabilità avranno accesso al mercato canadese.

Proteggere i prodotti agricoli e gli standard sociali – Durante i negoziati, l’UE ha garantito la protezione di oltre 140 indicazioni geografiche europee per cibo e bevande venduti sul mercato canadese. Sono state inoltre incluse clausole per uno sviluppo sostenibile, per salvaguardare gli standard ambientali e sociali e garantire che il commercio e gli investimenti le incrementino.

Per fugare le preoccupazioni dei cittadini che l’accordo dia troppo potere alle multinazionali e che i governi non possano legiferare per tutelare la salute, la sicurezza o l’ambiente, l’UE e il Canada hanno entrambi confermato esplicitamente, sia nel preambolo dell’accordo sia nella dichiarazione comune allegata, il diritto degli Stati a rifarsi al diritto nazionale.

Eccezioni: servizi pubblici, audiovisivo, prodotti lattiero-caseari – L’accordo CETA non rimuoverà le barriere doganali per i servizi pubblici, i servizi audiovisivi e di trasporto e per alcuni prodotti agricoli, come ad esempio i prodotti lattiero-caseari, il pollame e le uova.

Maggiore trasparenza nella protezione degli investimenti – In risposta alle pressioni parlamentari, il meccanismo di risoluzione delle controversie investitore-Stato è stato sostituito dall’Investment Court System (ICS) in modo da garantire il controllo del governo sulla scelta degli arbitri e migliorarne la trasparenza.

Accordo strategico di partenariato UE-Canada – I deputati hanno anche approvato un accordo strategico di partenariato UE-Canada (SPA) con 506 voti a favore, 142 contrari e 43 astensioni. A complemento del CETA, questo accordo ha lo scopo di intensificare la cooperazione bilaterale UE-Canada per una vasta gamma di questioni non commerciali, quali la politica estera e di sicurezza, la lotta al terrorismo, la lotta alla criminalità organizzata, lo sviluppo sostenibile, la ricerca e la cultura.

Entrata in vigore provvisoria e prossime tappe – L’accordo CETA potrebbe applicarsi provvisoriamente dal primo giorno del mese successivo alla data cui entrambe le parti si sono reciprocamente notificate il completamento di tutte le procedure interne necessarie. Per i deputati tale data dovrebbe essere non prima del 1° aprile 2017.

Poiché il CETA è stato definito un accordo misto dalla Commissione europea nel luglio 2016, dovrà ora essere anche ratificato dai Parlamenti nazionali e regionali.

Newsletter

L'articolo CETA: il Parlamento europeo approva l’accordo commerciale UE-Canada proviene da Radio Web Italia.

]]>
Nuoto: argento alle azzurre della 4×50 mista ai Mondiali in vasca corta https://www.radiowebitalia.it/104936/in-news/in-sport/nuoto-argento-alle-azzurre-della-4x50-mista-ai-mondiali-in-vasca-corta.html Thu, 08 Dec 2016 18:01:25 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=104936 L’Italnuoto ha conquistato altre due medaglie ai Mondiali in vasca corta che si disputano a Windsor (Canada). Sono salite sul podio le azzurre della staffetta 4×50 mista femminile e Fabio Scozzoli nei 100 rana, rispettivamente argento e bronzo. Le azzurre hanno compiuto un’autentica impresa. Ha iniziato la debuttante Silvia Scalia che ha ottenuto il primato …

L'articolo Nuoto: argento alle azzurre della 4×50 mista ai Mondiali in vasca corta proviene da Radio Web Italia.

]]>
L’Italnuoto ha conquistato altre due medaglie ai Mondiali in vasca corta che si disputano a Windsor (Canada). Sono salite sul podio le azzurre della staffetta 4×50 mista femminile e Fabio Scozzoli nei 100 rana, rispettivamente argento e bronzo. Le azzurre hanno compiuto un’autentica impresa. Ha iniziato la debuttante Silvia Scalia che ha ottenuto il primato personale di 26″96 nel dorso, poi Martina Carraro ha consolidato la posizione con un 50 rana da 30″12 lanciato; si è scatenata poi Silvia Di Pietro che nei 50 farfalla è volata chiudendo la sua frazione in 24″88 e portando la squadra al secondo posto mentre Erika Ferraioli non si è fatta intimorire e in corsia sei ha chiuso in 23″42 con il record italiano di 1’45″38 (precedente 1’45″73 il 6 dicembre dello scorso anno agli europei di Netanya per la medaglia di bronzo). Davanti a loro gli Stati Uniti con il primato mondiale di 1’43″27. Scalzata la Danimarca, detentrice del primato del mondo (1’44″04 a Doha nel 2015) e campionessa uscente, che scivola al terzo posto in 1’45″98. “Stare subito dietro agli USA è una grande soddisfazione, perché questo gruppo c’è e cresce anno dopo anno – ha detto Silvia Di Pietro, velocista di Forestale e Aniene che si allena con Mirko Nozzolillo, due argenti e due bronzi iridati in staffetta – è stata una gara particolare, nuotata in mezzo alle onde. Siamo un gruppo compatto e ci stiamo divertendo”.

Visibilmente emozionata la debuttante Silvia Scalia, ventunenne di Lecco che nuota a Roma agli ordini di Gianluca Belfiore, alla sua prima manifestazione internazionale in carriera: “Non ho parole, sono contenta di aver rotto il ghiaccio e nuotato il mio personale. Mi sentivo benissimo in acqua, ma non avrei mai pensato di vivere questa gioia”.

Martina Carraro non nuotava un mondiale da Roma 2009, e dopo il bronzo europeo lo scorso anno a Netanya aggiunge un metallo pesante alla collezione: “Sono veramente felice, e anche se siamo in pochi abbiamo trovato il giusto equilibrio e la giusta amalgama – racconta la genovese di Azzurra ’91 allenata da Fabrizio Bastelli – sentiamo di far parte di un gran gruppo. Pensavamo di poter cogliere il terzo posto, ma addirittura arrivare seconde battendo il Canada e l’Australia riempie di gioia e soddisfazione”.

Erika Ferraioli è la veterana del gruppo e nessuna come lei può spiegare la crescita di questa staffetta che due anni fa arrivò quinta: “Non mi sarei mai aspettata questo risultato. In questa gara parti ad occhi chiusi e dai tutto quello che hai – racconta la trentenne romana che si allena con Mirko Nozzolillo, tesserata Aniene ed Esercito – è una medaglia importante che testimonia la crescita di un gruppo compatto sia nello stile libero che nei misti. Rispetto allo scorso anno è subentrata Silvia (Scalia, ndr). Subentrare in questo modo non può far altro che bene e coltivare l’entusiasmo”.

E’ la terza medaglia tutta al femminile nella staffetta dopo l’argento di della 4×100 stile libero e il bronzo della stessa a Doha 2014. Rispetto al record italiano di Netanya lo scorso anno entra nel dorso Silvia Scalia al posto di Elena Gemo, mentre nello stile libero Erika Ferraioli ha preso il posto di Aglaia Pezzato, che ha nuotato in batteria.

Poi è toccato a Fabio Scozzoli salire sul podio conquistando il bronzo nei 100 rana in 57″04 (26″57). Il vecchio leone è tornato, dopo il titolo iridato della specialità conquistato a Istanbul nel 2012, è rientrato in una finale mondiale dopo tre anni da Barcellona in lunga, il campione di Esercito e Imolanuoto, ventotto anni come Federica Pelllegrini (nato due giorni prima), si regala un metallo dal sapore dolce e appagante. “Ho spinto nel passaggio senza esagerare e alla fine non sono morto, ma ne avevo ancora – racconta il romagnolo, che si allena ad Imola col tecnico Cesare Casella, alla ventiduesima medaglia in carriera tra europei, mondiali e olimpiadi. E’ una medaglia che vuol dire tanto. In questi anni sono stato alla ricerca di sensazioni che non arrivavano. Era dal 2012 che non salivo sul podio, e farlo in questo mondiale, dove manca solo Adam Peaty come big, riempie ancora di più d’orgoglio. Non sono più quello di tre o quattro anni fa. Sto lavorando su nuove cose, ho altri pregi e nuovi difetti – racconta sorridendo –

Adesso bisogna trasformare questa positività anche in vasca lunga. Ho la stessa età di Federica Pellegrini e ci accomunano grandi vittorie come i mondiali di Shanghai e grandi delusioni come le olimpiadi di Londra. Mi fa piacere esser rinato qui, insieme a una campionessa che dimostra sempre di essere al top”. La gara l’ha vinta il tedesco Marco Koch, campione in carica della distanza doppia, che tocca in 56″77, davanti al russo Vladimir Morozov che ha chiuso precedendo l’azzurro di soli 4 centesimi (57″00).

La seconda giornata si è chiusa con un’altra affermazione positiva. Dopo l’oro nei 200 e l’argento con la staffetta 4×100 stile libero, Federica Pellegrini che si è qualificata per la finale dei 100 stile libero gara mai disputata prima in questa manifestazione.

Newsletter

L'articolo Nuoto: argento alle azzurre della 4×50 mista ai Mondiali in vasca corta proviene da Radio Web Italia.

]]>
Mondiali di nuoto in vasca corta: ecco gli 11 convocati per Windsor https://www.radiowebitalia.it/103928/in-news/in-sport/mondiali-di-nuoto-in-vasca-corta-ecco-gli-11-convocati-per-windsor.html Thu, 24 Nov 2016 10:26:50 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=103928 Tredici i Campionati Mondiali di nuoto in vasca corta si disputeranno dal 6 all’11 dicembre a Windsor, in Canada. Il Direttore Tecnico della FIN, Cesare Butini, ha diramato i nomi degli 11 convocati, 6 donne e 5 uomini, che prenderanno parte alla competizione iridata. Martina Carraro (NC Azzurra 91) Silvia Di Pietro (Forestale/Canottieri Aniene) Erika …

L'articolo Mondiali di nuoto in vasca corta: ecco gli 11 convocati per Windsor proviene da Radio Web Italia.

]]>
Tredici i Campionati Mondiali di nuoto in vasca corta si disputeranno dal 6 all’11 dicembre a Windsor, in Canada. Il Direttore Tecnico della FIN, Cesare Butini, ha diramato i nomi degli 11 convocati, 6 donne e 5 uomini, che prenderanno parte alla competizione iridata.

Martina Carraro (NC Azzurra 91)
Silvia Di Pietro (Forestale/Canottieri Aniene)
Erika Ferraioli (Esercito/Canottieri Aniene)
Federica Pellegrini (Canottieri Aniene)
Aglaia Pezzato (Esercito/Team Veneto)
Silvia Scalia (Canottieri Aniene)
Gabriele Detti (Esercito/MGM Team Lombardia)
Luca Dotto (Forestale/Larus Nuoto)
Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro/Coopernuoto)
Fabio Scozzoli (Esercito/Imolanuoto)
Giacomo Carini (Fiamme Gialle/Can. Vittorino)

Newsletter

L'articolo Mondiali di nuoto in vasca corta: ecco gli 11 convocati per Windsor proviene da Radio Web Italia.

]]>
Unione Europea -Canada: firma accordo libero scambio https://www.radiowebitalia.it/102250/tempo-deuropa/unione-europea-canada-firma-accordo-libero-scambio.html Mon, 31 Oct 2016 08:26:51 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=102250 Il premier canadese Justin Trudeau, i presidenti del Consiglio e della Commissione Ue Donald Tusk e Jean Claude Juncker ed il premier slovacco Robert Fico, alla presidenza di turno del Consiglio europeo, hanno firmato l’accordo di libero scambio Ceta e l’intesa politica strategica Spa. I negoziati per arrivare alla firma del Ceta sono durati sette …

L'articolo Unione Europea -Canada: firma accordo libero scambio proviene da Radio Web Italia.

]]>
Il premier canadese Justin Trudeau, i presidenti del Consiglio e della Commissione Ue Donald Tusk e Jean Claude Juncker ed il premier slovacco Robert Fico, alla presidenza di turno del Consiglio europeo, hanno firmato l’accordo di libero scambio Ceta e l’intesa politica strategica Spa. I negoziati per arrivare alla firma del Ceta sono durati sette anni.

Newsletter

L'articolo Unione Europea -Canada: firma accordo libero scambio proviene da Radio Web Italia.

]]>
Non solo CETA: tutti gli accordi commerciali dell’Ue in cantiere https://www.radiowebitalia.it/101530/tempo-deuropa/non-solo-ceta-tutti-gli-accordi-commerciali-dellue-in-cantiere.html Wed, 19 Oct 2016 18:09:23 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=101530 In quest’ultimo mese gli stati Ue stanno valutando l’accordo di libero scambio con il Canada (CETA). Non si tratta dell’unica questione in tema di patti commerciali che l’Ue si appresta ad affrontare. Numerosi trattati con paesi di tutto il mondo sono in fase di negoziazione ma entreranno in vigore soltanto dopo l’approvazione del Parlamento Europeo. …

L'articolo Non solo CETA: tutti gli accordi commerciali dell’Ue in cantiere proviene da Radio Web Italia.

]]>
In quest’ultimo mese gli stati Ue stanno valutando l’accordo di libero scambio con il Canada (CETA). Non si tratta dell’unica questione in tema di patti commerciali che l’Ue si appresta ad affrontare. Numerosi trattati con paesi di tutto il mondo sono in fase di negoziazione ma entreranno in vigore soltanto dopo l’approvazione del Parlamento Europeo. Ecco una panoramica delle varie trattative in corso e relative situazioni aggiornate.

Diverse tipologie di accordi – L’Unione europea ha accordi commerciali diversi a seconda dei paesi. In alcuni casi vengono ridotti o eliminati i dazi doganali, in altri è stata creata una vera e proprio unione commerciale, che ha eliminato le tasse di frontiera o stabilito un’imposta doganale standard per le importazioni provenienti da quei paesi.

Non si tratta soltanto di dazi. L’attenzione è focalizzata anche sugli investimenti e sulla possibilità di risolvere le eventuali controversie in materia. Ad esempio: cosa potrebbe succedere se la decisione di un governo compromettesse gli investimenti di un’azienda in quel Paese? In più, i confini sono fondamentali per far rispettare le regole sui prodotti. Per citare un caso, l’Europa ha vietato certe tipologie di ormoni somministrati ai bovini nelle aziende biologiche per la possibilità che siano pericolosi per la salute ed è fondamentale impedire che queste carni entrino nel continente da paesi in cui sono autorizzati.

CETA – Accordo economico e commerciale globale con il Canada – I negoziati per il CETA sono terminati a settembre 2014. Durante il mese di ottobre di quest’anno dovrebbe avvenire la rattifica da parte di tutti i paesi dell’Ue. Una volta arrivato l’ok dai parlamenti nazionali, sarà necessaria la votazione positiva del Parlamento europeo per entrare in vigore. Giovedì 20 e venerdì 21 ottobre sarà uno degli argomenti di discussione del consiglio europeo. A dicembre, poi, la commissione Commercio Internazionale (INTA) voterà il provvedimento e sarà sottoposto alla validazione finale nella plenaria dello stesso mese. Se il percorso legislativo rispetterà i tempi stabiliti, il CETA potrebbe entrare in vigore dal 2017.

Altri accordi di libero scambio terminati ma non ancora in vigore

Il CETA non è l’unico accordo commerciale per cui sono terminati i negoziati senza essere ancora entrato in vigore.

Ecco gli altri in sospeso:

Paesi dell’Africa orientale
Ecuador
Singapore
Vietnam
Africa occidentale

Accordi in corso di negoziato

Un eventuale accordo doganale con gli Stati Uniti, il TTIP (Partenariato trans-atlantico per il commercio e gli investimenti), si è rivelato piuttosto problematico. In molti hanno espresso preoccupazione sulle differenze tra Europa e Usa riguardo agli standard dei prodotti e alla risoluzione di eventuali controversie sugli investimenti. Il faticoso processo di accordo è iniziato nel 2013 e da allora si sono svolti già 15 incontri.

Per quanto riguarda l’Asia, sono in corso negoziati con:

Malesia (circa a metà strada, ma i problemi più difficili restano da risolvere)
Indonesia (i prossimi incontri avranno luogo nel primo trimestre del 2017)
Thailandia (ci sono stati quattro incontri ma non ne sono stati programmati altri)
Filippine (il prossimo incontro si terrà entro la fine dell’anno)
Giappone (in corso, possibile conclusione entro la fine dell’anno)
Myanmar (sono già stati svolti quattro cicli di negoziati, ma nessun altro appuntamento è in programma)
India (nessuna trattativa al momento, ma continuano le discussioni sulle questioni in sospeso)

In America latina:

Mercosur, ovvero il mercato comune dell’America meridionale comprendente Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay e Venezuela (l’ultimo ciclo di negoziati ha avuto luogo questo mese)
Messico (il secondo ciclo di negoziati si terrà a novembre)

Paesi del Mediterraneo meridionale e del Medio Oriente: diversi accordi, in particolare con otto paesi per aumentare i flussi di merci. Sul tavolo, anche l’espansione di tali intese in altri settori come l’agricoltura e l’industria. Questi ultimi saranno da stabilire con trattative diverse per ciascun Paese.

Al momento non sono stati intrapresi percorsi tra Unione europea e Cina per quel che riguarda il libero scambio. Si stanno portando avanti, parallelamente, colloqui per arrivare a un accordo sugli investimenti. Il processo è partito nel novembre 2013 e l’ultimo incontro si è svolto lo scorso settembre.

Infine, si sta discutendo anche sul TISA, l’accordo sugli scambi di servizi tra i 23 membri dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), di cui fa parte anche l’Ue. Gli stati aderenti all’organizzazione rappresentano il 70 per cento del commercio mondiale nel settore dei servizi. I negoziati procedono e sono stati già svolti 14 cicli di confronto tra i vari paesi.

Il ruolo del Parlamento europeo – Dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona nel 2009, gli accordi commerciali hanno bisogno di approvazione da parte del Parlamento prima di entrare in vigore. La legislazione prevede, inoltre, che i deputati vengano regolarmente aggiornati sui progressi in corso durante i negoziati.

Il Parlamento si riserva di utilizzare il diritto di veto per questioni su cui ci siano preoccupazioni rilevanti, come ha già dimostrato in passato con il respingimento dell’accordo commerciale anticontraffazione (ACTA) del 2012.

Newsletter

L'articolo Non solo CETA: tutti gli accordi commerciali dell’Ue in cantiere proviene da Radio Web Italia.

]]>
William e Kate in Canada: per la prima volta si fanno accompagnare dai figli https://www.radiowebitalia.it/99526/in-news/in-attualita/william-e-kate-in-canada.html Sun, 25 Sep 2016 17:50:14 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=99526 Al via la visita di otto giorni in Canada dei duchi di Cambridge, William e Kate. Per la prima volta con loro, in un tour all’estero, i due figli George e Charlotte. Impeccabile, come sempre Kate: abito blu di Jenny Packham, una delle sue stiliste preferite, decollete nude-look a tacchi alti e – come omaggio …

L'articolo William e Kate in Canada: per la prima volta si fanno accompagnare dai figli proviene da Radio Web Italia.

]]>
Al via la visita di otto giorni in Canada dei duchi di Cambridge, William e Kate. Per la prima volta con loro, in un tour all’estero, i due figli George e Charlotte. Impeccabile, come sempre Kate: abito blu di Jenny Packham, una delle sue stiliste preferite, decollete nude-look a tacchi alti e – come omaggio al Paese ospite – la spilla a foglia d’acero, proprietà della regina.

Gli occhi di tutti erano ovviamente puntati sui due principini. George non ha deluso: ignorando le autorità in attesa ai piedi della scaletta, il piccolo, sceso per mano al padre, è apparso giustamente molto più interessato a un elicottero che volteggiava sulla sua testa che al protocollo.
Occhi puntati anche su Charlotte, al suo esordio in un viaggio ufficiale, scesa dall’aereo in braccio alla madre: abitino chiaro con minuscoli motivi floreali a punto smock,la piccola è stata vista in pubblico solo altre due volte.

L'articolo William e Kate in Canada: per la prima volta si fanno accompagnare dai figli proviene da Radio Web Italia.

]]>
Chiude a Toronto l’ICFF: premiati Cardinale, Bova e Iervolino https://www.radiowebitalia.it/93029/cinema-tv-e-spettacolo/chiude-a-toronto-licff-premiati-cardinale-bova-e-iervolino.html Tue, 21 Jun 2016 13:01:06 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=93029 Il Canada incorona Claudia Cardinale durante la serata di chiusura del ICFF film Festival presentato da IC Savings. A lei il premio alla carriera, il più alto riconoscimento che per le passate edizioni è stato assegnato, tra gli altri, a Roberto Benigni, Al Pacino e Carlo Verdone. Il pubblico delle grandi occasioni nel palazzo del …

L'articolo Chiude a Toronto l’ICFF: premiati Cardinale, Bova e Iervolino proviene da Radio Web Italia.

]]>
Il Canada incorona Claudia Cardinale durante la serata di chiusura del ICFF film Festival presentato da IC Savings. A lei il premio alla carriera, il più alto riconoscimento che per le passate edizioni è stato assegnato, tra gli altri, a Roberto Benigni, Al Pacino e Carlo Verdone. Il pubblico delle grandi occasioni nel palazzo del cinema di Toronto dove è stato presentato il suo ultimo lavoro “All roads lead to Rome”, le ha reso omaggio con un’entusiasta “standing ovation”.

“Non so a che film sia arrivata 130 -140 – dice la Cardinale con in mano la statuetta del premio creata dallo scultore Silvio Mastrodascio – il cinema mi ha dato la possibilità di vivere tante vite, una cosa per me fantastica ed è quello che mi sprona a continuare in questo mestiere. In quest’ultimo film ho avuto modo di interpretare il ruolo della mamma di Raoul Bova, è stato davvero speciale”.

Le risponde Raoul Bova, premiato dal festival come Miglior Attore ICFF 2016 alla festa di chiusura del festival all’Hotel Ritz Carlton. “Sono contentissimo di questo riconoscimento datomi dal Festival, soprattutto perché viene per un lavoro che mi ha visto affiancato a questa meraviglia, questa forza della natura che è Claudia Cardinale.” L’attore romano ha presentato in Canada anche “Torno indietro e cambio vita”, ultimo film del regista Carlo Vanzina.

Vincitori del People Choice Award sono il regista Gennaro Nunziante e Checco Zalone, il loro “Quo vado?” ha infatti conquistato il prestigioso premio del pubblico, confermando che la loro commedia ha successo anche con un audience internazionale. A sostenerli anche una grandissima fetta di pubblico italo-canadese. “Meravigliosa accoglienza… – dice Checco Zalone – Gli italiani del Canada non hanno smesso di essere italiani”. Soddisfazione anche per il regista Gennaro Nunziante: “Bello essere qui al Festival, accolti da tanti connazionali che come noi continuano a pensare che la cultura del nostro paese rappresenta qualcosa di importante per il mondo intero. È un festival che dimostra la nostra capacità di fare, il nostro orgoglio”.

Il Premio IC Savings per il Miglior Film Canadese è stato assegnato ad Andrea Iervolino per l’instancabile attività del produttore italo-canadese, fondatore e partner, con Monika Bacardi, della AMBI/AIC. L’attività nel campo della produzione e della distribuzione cinematografica di Andrea Iervolino rappresenta un vero e proprio ponte tra l’Italia e il Nord America.

Il Premio della critica assegnato dalla Toronto Film Critics Association è andato a “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti. Il Premio è stato annunciato al pubblico da Thom Ernst, in rappresentanza della Giuria formata da critici cinematografici di Toronto, durante la serata di chiusura del Festival, presso la prestigiosa sala del TIFF Bell Lightbox.

Il premio per il miglior cortometraggio è stato vinto da “Resce la lune” di Giulia Di Battista e Gloria Kurkik, mentre quello relativo al programma riservato ai ragazzi dell’ICFF Junior è stato assegnato a Gabriele Salvatores per il film “Il ragazzo invisibile”.

“Il cinema presentato all’ICFF si sta rilevando una realtà straordinaria per far conoscere in Nord America l’Italia di oggi e avvicinare ai cuori canadesi la nostra cinematografia – fa un bilancio della quinta edizione il direttore artistico, Cristiano de Florentiis – I 70 film, le oltre 130 proiezioni, ma soprattutto i 30mila spettatori in sei città fanno dell’ICFF la storia di un grande successo, oltre che un festival unico nel suo genere”.

Per il terzo anno consecutivo, il Festival ha dedicato una giornata all’industria del cinema, l’Industry Day, presentata dal SIRT (Screen Industries and Training Centre Sheridan College/Pinewood Toronto Studios) e dall’ETV Film Inc., presso gli Studios Pinewood. Al centro del workshop di questa edizione è stata la Virtual Reality e 360º films.

L’ICFF ha creato un importante luogo d’incontro dove i maestri del cinema italiani, canadesi e americani hanno potuto dialogare tra di loro, rendendo partecipe anche il pubblico di questo scambio.

Significativo quindi l’incontro del regista Renzo Martinelli con il pubblico di Toronto. Durante la presentazione del suo ultimo lavoro “Ustica” incentrato su una delle tante tragedie che hanno colpito l’Italia negli ultimi decenni, al regista è stato conferito l’Excellence Award per il suo cinema-inchiesta.

Non solo premi ed eccellenze: l’Italia dell’ICFF è anche quella della Dolce Vita. Red carpets, strass e paillettes: al Ritz-Carlton di Toronto oltre mille ospiti hanno celebrato il successo del Festival nella serata di chiusura, presentata dal noto attore Giacomo Gianniotti, protagonista della serie TV “Grey’s Anatomy”, in cui hanno brillato le stelle del cinema, della moda e della cucina italiana. Ma soprattutto ha brillato ancora una volta l’Italia, riconosciuta, amata e premiata anche oltreoceano. Dopo una edizione di così alto profilo, c’è da chiedersi cosa potrà riservare la manifestazione per il prossimo anno.

Iscriviti alla Newsletter (16368)

[post-marguee]

L'articolo Chiude a Toronto l’ICFF: premiati Cardinale, Bova e Iervolino proviene da Radio Web Italia.

]]>
Formula 1: in Canada la pole è di Lewis Hamilton https://www.radiowebitalia.it/92438/in-news/in-sport/formula-1-in-canada-la-pole-e-di-lewis-hamilton.html Sun, 12 Jun 2016 08:05:07 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=92438 Lewis Hamilton in pole position nel Gran Premio del Canada. Il campione del mondo della Mercedes ha fermato il cronometro su un velocissimo 1’12″812, precedendo di 62 millesimi il compagno di squadra Nico Rosberg. Grande prestazione per Sebastian Vettel che ottiene il terzo tempo con 178 millesimi da Hamilton; mettendosi alla spalle le due Red …

L'articolo Formula 1: in Canada la pole è di Lewis Hamilton proviene da Radio Web Italia.

]]>
Lewis Hamilton in pole position nel Gran Premio del Canada. Il campione del mondo della Mercedes ha fermato il cronometro su un velocissimo 1’12″812, precedendo di 62 millesimi il compagno di squadra Nico Rosberg.

Grande prestazione per Sebastian Vettel che ottiene il terzo tempo con 178 millesimi da Hamilton; mettendosi alla spalle le due Red Bull di Daniel Ricciardo, quarto con tre decimi e mezzo di ritardo e Max Verstappen, quinto a sei decimi. Al fianco del giovane pilota olandese partirà Kimi Raikkonen, sesto con la seconda Ferrari a 0″767. In quarta fila entrambe le Williams con Valtteri Bottas davanti a Felipe Massa. In quinta, nono tempo per Nico Hulkenberg (Force India) e decimo per Fernando Alonso (McLaren).

Iscriviti alla Newsletter (16368)

[post-marguee]

L'articolo Formula 1: in Canada la pole è di Lewis Hamilton proviene da Radio Web Italia.

]]>
Il colosso petrolifero Shell rinuncia a trivellare nell’Artico https://www.radiowebitalia.it/92435/in-news/in-attualita/il-colosso-petrolifero-shell-rinuncia-a-trivellare-nellartico.html Sun, 12 Jun 2016 08:00:06 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=92435 Il colosso petrolifero olandese Shell ha rinunciato a trivellare alla ricerca di idrocarburi nello stretto di Lancaster, nel mare all’estremo nord del Canada. Shell ha dichiarato in un comunicato di rinunciare alle sue concessioni per permettere la realizzazione di un parco marino di fronte alle coste dello stato di Nunavut, abitato dagli eschimesi Inuit. Da …

L'articolo Il colosso petrolifero Shell rinuncia a trivellare nell’Artico proviene da Radio Web Italia.

]]>
Il colosso petrolifero olandese Shell ha rinunciato a trivellare alla ricerca di idrocarburi nello stretto di Lancaster, nel mare all’estremo nord del Canada.

Shell ha dichiarato in un comunicato di rinunciare alle sue concessioni per permettere la realizzazione di un parco marino di fronte alle coste dello stato di Nunavut, abitato dagli eschimesi Inuit.

Da anni gli indigeni e gli ambientalisti lottano contro la prospettiva di trivellazioni offshore nello stretto, particolarmente ricco di biodiversità. La rinuncia della Shell, al di là della motivazione ufficiale, è dovuta anche al fatto che, con il petrolio a prezzi bassi, le trivellazioni offshore nell’Artico non sono più redditizie.

Iscriviti alla Newsletter (16368)

[post-marguee]

L'articolo Il colosso petrolifero Shell rinuncia a trivellare nell’Artico proviene da Radio Web Italia.

]]>
Dolcificanti riducono calorie ma aumentano rischio diabete https://www.radiowebitalia.it/91582/in-news/in-benessere/dolcificanti-riducono-calorie-ma-aumentano-rischio-diabete.html Sat, 28 May 2016 19:34:57 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=91582 I dolcificanti possono aiutare a tagliare le calorie, ma abusarne può aumentare il rischio di una persona di sviluppare il diabete di tipo 2. I dolcificanti, come l’aspartame, possono infatti provocare cambiamenti nei batteri intestinali e portare a sviluppare un’intolleranza al glucosio. Questo e’ quanto emerso da uno studio della York University (Canada), pubblicato sulla …

L'articolo Dolcificanti riducono calorie ma aumentano rischio diabete proviene da Radio Web Italia.

]]>
I dolcificanti possono aiutare a tagliare le calorie, ma abusarne può aumentare il rischio di una persona di sviluppare il diabete di tipo 2. I dolcificanti, come l’aspartame, possono infatti provocare cambiamenti nei batteri intestinali e portare a sviluppare un’intolleranza al glucosio.

Questo e’ quanto emerso da uno studio della York University (Canada), pubblicato sulla rivista Applied Physiology, Nutrition and Metabolism. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno analizzato i dati di 2.856 adulti che hanno preso parte alla “Third National Health and Nutrition Survey”. I soggetti hanno riferito qual e’ stata la loro dieta nelle ultime 24 ore e sono stati classificati come “consumatori di dolcificanti”, come aspartame e saccarina, o “consumatori alti o bassi di zuccheri naturali”, come lo zucchero e il fruttosio.

Tutti hanno riportato la composizione della dieta nelle precedenti 24 ore e sono stati classificati come consumatori di dolcificanti artificiali (aspartame o saccarina), o consumatori di alte o basse dosi di zuccheri naturali (zucchero o fruttosio).

Iscriviti alla Newsletter (16368)

[post-marguee]

L'articolo Dolcificanti riducono calorie ma aumentano rischio diabete proviene da Radio Web Italia.

]]>