Prima Pietra – Radio Web Italia https://www.radiowebitalia.it Radio On-Line, Notizie Musicali, Cinema, Spettacolo e tanto altro Mon, 26 Oct 2020 09:55:25 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.6.2 Lo scrittore Mario Tieghi parla del libro Quando la terra era promessa https://www.radiowebitalia.it/96106/senza-categoria/lo-scrittore-mario-tieghi-parla-del-libro-quando-la-terra-era-promessa.html Tue, 09 Aug 2016 01:18:23 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=96106 La Città di Sabaudia ha da pochi giorni compiuto i suoi primi 83 anni di vita dalla cerimonia di posa della Prima Pietra. Un evento a dir poco ingegnoso, sotto il profilo del prosciugamento di una zona invasa per centinaia di anni dalle paludi. Con l’intento di approfondire le tematiche e le riflessioni di questo …

L'articolo Lo scrittore Mario Tieghi parla del libro Quando la terra era promessa proviene da Radio Web Italia.

]]>
La Città di Sabaudia ha da pochi giorni compiuto i suoi primi 83 anni di vita dalla cerimonia di posa della Prima Pietra. Un evento a dir poco ingegnoso, sotto il profilo del prosciugamento di una zona invasa per centinaia di anni dalle paludi. Con l’intento di approfondire le tematiche e le riflessioni di questo mondo passato, lo scrittore Mario Tieghi parteciperà all’incontro ‘Appuntamenti con l’Autore’, che si svolgerà martedì 9 agosto, alle ore 21, presso la Corte Comunale di Sabaudia. L’iniziativa diretta dal giornalista GianLuca Campagna, per Omicron, ha il patrocinio e sostegno del settore comunale Cultura, Turismo e Spettacolo. Il prof. Tieghi presenterà il testo “Quando la Terra era promessa” (ediz. Ego) privilegiando il colloquio diretto e umano con gli intervistati, donne e uomini dei tempi della bonifica e postbonifica, che con le proprie esternazioni personali hanno caratterizzato l’elemento realistico e fondante dell’opera letteraria. Nel contesto, anche opportuni richiami di carattere storico e generazionale saranno al centro della serata, alla quale parteciperanno nel ruolo di ricercatori ed esperti, Gianni Fontana e GianLuca Campagna.

Ed in quella circostanza del 5 agosto 1933, nel centro di Sabaudia, si trovarono assieme, il Capo del Governo, Benito Mussolini, il Commissario Straordinario dell’Opera Nazionale Combattenti, Valentino Orsolini Cencelli ed una nutrita delegazione di ospiti, che presero parte al momento ufficiale in cui Mons. Navarra, il Vescovo Diocesano di Terracina, benedì la prima pietra collocata alla base dell’erigenda torre municipale. Un masso di calcare, a forma di cubo, che a detta di fonti orali, era stato trasportato dalla cava del vicino Comune di San Felice Circeo con un carretto trainato da un asino, condotto dal sig. Ziarelli. Secondo tradizione, dentro il “blocco” erano stati inseriti, una pergamena ed un tubetto contenente delle monete del tempo. Il clamore fu tanto perché in questo modo da un lato si proseguiva la lotta alle zone malariche di questo comprensorio pontino e dall’altro si perseguiva la scelta di realizzare un centro razionalista di valore incastonato sulle sponde del lago di Paola e prospiciente al mare Tirreno. L’avventura del Duce era in questo modo avviata, dopo Littoria, inaugurata nel 1932, era stata preventivata la stessa cerimonia per Sabaudia per il 21 aprile 1934. L’opera di edificazione era andata decisamente meglio perché il progetto generale venne realizzato in soli 253 giorni con 180 di lavoro effettivo. L’Almanacco Fascista dell’anno 1936 a tale proposito registrava che “…Da allora (5 agosto1933) al 15 aprile alcune schiere di operai, chiamati da ogni parte d’Italia, e divenuti, di mano in mano sempre più numerosi, sino a raggiungere durante le ultime fasi della costruzione i 14.500, innalzavano secondo criteri, anche estetici, di un composto razionalismo, il nuovo Comune rurale”. La cerimonia inaugurale venne celebrata il 15 aprile con ampia risonanza sull’opinione pubblica nazionale ed internazionale, alla presenza del Re e della Regina d’Italia, tenuto conto che la ridente località era stata intitolata al Casato Sabaudo. I Reali, giunti nel primo pomeriggio, visitarono i vari edifici del centro storico, iniziando dal palazzo comunale, quindi si recarono all’interno del complesso delle Poste e Telecomunicazioni, opera futurista di Angiolo Mazzoni, caratterizzato dalla presenza delle celebri tessere dal colore ‘blu Savoia’. Si compiva così un atto importante che per la sua intraprendenza progettuale sarebbe passato ai posteri alla luce dell’innovativo assetto urbanistico. Lo studioso Renato Nicolini nel 1994 in un suo scritto su ‘Divina Geometria’, evidenziava che “ …in Sabaudia si sperimenta la possibilità di esistenza in una città “romana”, sull’invenzione di una “romanità” originale, attinta proprio perché “architettura razionale e funzionale per il nostro tempo”. E più avanti “ …Sabaudia vuole presentarsi piuttosto come tipo di una possibile città del nostro tempo, attingendo perciò raffinatezze desunte dalla cultura delle “città metafisiche” di Giorgio De Chirico…”. Durante la costruzione, dalla Svizzera e dalla Francia arrivarono alcuni studiosi interessati, tra i quali, gli architetti LeCorbusier e Pierre Vago. La realtà apparve subito molto positiva per la ridente località turistica, in quanto situata in uno dei luoghi più pregevoli d’Italia, adagiata sulle sponde del lago di Paola, sovrastata dal mitico monte Circeo, ricca di una verdeggiante vegetazione, protetta dal coetaneo Parco Nazionale del Circeo, titolare di 20 chilometri di un litorale dorato costellato da dune dell’era quaternaria di rilevante stupore. Una città che ha continuato a farsi apprezzare per il suo razionale arredo interno a proposito dei palazzi pubblici e privati del Centro e dei suggestivi Borghi, San Donato e Vodice. Un ‘continuum’ ed un ‘unicum’ che fanno molto riflettere e che soprattutto nel nostro tempo sollecitano i responsabili istituzionali a proseguire sulla strada della tutela e della salvaguardia di questo eccezionale patrimonio architettonico-urbanistico del ‘900.

Iscriviti alla Newsletter (16370)

[post-marguee]

L'articolo Lo scrittore Mario Tieghi parla del libro Quando la terra era promessa proviene da Radio Web Italia.

]]>
Sabaudia 83° della Prima Pietra ma la Città in che modo è cambiata! https://www.radiowebitalia.it/95758/senza-categoria/sabaudia-83-della-prima-pietra-ma-la-citta-in-che-modo-e-cambiata.html Thu, 04 Aug 2016 06:10:48 +0000 http://www.radiowebitalia.it/?p=95758   La ricorrenza del 5 agosto per Sabaudia, nel novero delle ‘città nuove’, è una giornata davvero singolare! Anche quest’anno sono rimasto nel dubbio in che modo intervenire, ovvero se arrivare a questa ricorrenza senza proferire alcuna parola almeno sotto il profilo della memoria collegata agli 83 anni della Deposizione della Prima Pietra e di …

L'articolo Sabaudia 83° della Prima Pietra ma la Città in che modo è cambiata! proviene da Radio Web Italia.

]]>
 

La ricorrenza del 5 agosto per Sabaudia, nel novero delle ‘città nuove’, è una giornata davvero singolare! Anche quest’anno sono rimasto nel dubbio in che modo intervenire, ovvero se arrivare a questa ricorrenza senza proferire alcuna parola almeno sotto il profilo della memoria collegata agli 83 anni della Deposizione della Prima Pietra e di conseguenza fare finta di nulla e passare avanti, come d’altronde sembra usuale in questo momento di stasi cittadina. Non mi riferisco ovviamente a quelle persone che si sentono molto legate a tale avvenimento specifico, ma sul piano istituzionale non mi sembra che sia stata messa in piedi alcuna iniziativa di tale significato.
Da qui la personale scelta di dire qualcosa, comunque con lo spirito di chi ama riprendere gli eventi del passato e far rilevare che appuntamenti come questi debbano fare parte del calendario storico di ogni Città che si trova belle condizioni di poter festeggiare una simile ricorrenza!
In fondo, per questa circostanza, mi sembra doveroso dare importanza ad un momento così particolare anche per il fatto che Sabaudia è stata il secondo centro dell’Agro Pontino!
Di quel periodo è da menzionare la sorprendente scelta del Commissario dell’Opera Nazionale Combattenti, Valentino Orsolini Cencelli, che si incaricò di far realizzare il nuovo centro in un luogo di particolare suggestione, ubicato sul Tirreno, sulla sponda interna del lago di Paola, all’interno della splendida foresta del Parco del Circeo, alquanto distante dalla stazione ferroviaria di Fossanova e di più da quella di Littoria. L’avvenimento venne pubblicizzato con grande forza dal Regime dell’epoca e la cerimonia di incastonamento della pietra alla base dell’erigenda torre civica venne ripresa in ogni particolare.
Il carretto, condotto dal signor Ziarelli, con il traino di un asino, aveva trasportato “la prima pietra” dalla cava di San Felice Circeo fino al sito della torre comunale.
Tutto questo ebbe un grande effetto pubblicitario, come d’altronde era già avvenuto per Littoria e allo stesso modo sarebbe successo per le altre città di fondazione, Pontinia, Aprilia e Pomezia.
Tra i personaggi che presero parte a quel momento solenne, necessita citare il maestro Giuseppe Fichera del nutro un ottimo ricordo a proposito della gradevole figura di un personaggio che ho conosciuto direttamente e che si è contraddistinto per essere un insegnante impegnato anche nell’attività pubblica, tanto che nell’anno 1946 ricoprì anche la carica di Sindaco. E lui stesso, nell’introduzione al suo libro “Sabaudia …Primo Amore”, scritto in occasione del 50° anniversario di Sabaudia, rivela di essere stato testimone nei due momenti basilari relativi alla deposizione della Prima Pietra e all’Inaugurazione della Città, svoltasi il 15 aprile 1934,
Diversi autorevoli scrittori hanno narrato con competenza e ricchezza di quei momenti iniziali, e tra questi citiamo, Vincenzo Rossetti, Feliciano Jannella, Vittorio Briani, Filippo Tommaso Marinetti, a proposito del Palazzo delle Poste di Angiolo Mazzoni, e tanti altri, che nel corso degli anni hanno evidenziato particolari momenti legati alle cronache storiche di questo territorio.
Anche con l’intento di riportare alla memoria l’opera profusa a quel tempo per valorizzare l’elemento culturale letterario, preme riprendere la Delibera podestarile n°16 del 26 marzo 1936, relativa a ‘Contributo Premio letterario di Sabaudia’ con la quale si istituiva il Premio Sabaudia alla stregua di una “iniziativa intesa a valorizzare questo Comune e a ben conoscere le bellezze naturali….”. Primo vincitore fu il noto medico della bonifica Vincenzo Rossetti con il libro “ Dalle Paludi a Littoria – diario di un medico”.
La città di Sabaudia con l’Agro pontino hanno rappresentato nel tempo un valido interesse e soggetto per tanti artisti che hanno riprodotto con originale creatività gli svariati ambienti e gli ambiti più esaltanti ( foto, lavoro artistico di U.Bonetti su Sabaudia).

Iscriviti alla Newsletter (16370)

[post-marguee]

L'articolo Sabaudia 83° della Prima Pietra ma la Città in che modo è cambiata! proviene da Radio Web Italia.

]]>