Home | Artisti | Fabio Cinti tra i nominati per il Premio Amnesty International Italia
Fabio Cinti
Fabio Cinti

Fabio Cinti tra i nominati per il Premio Amnesty International Italia

Fabio Cinti è tra gli artisti nominati per il Premio Amnesty International Italia 2014, il premio nato dalla volontà della Sezione Italiana di Amnesty International e del concorso “Voci per la Libertà” con lo scopo di coinvolgere artisti già affermati a livello nazionale che abbiano pubblicato una canzone il cui testo possa contribuire alla sensibilizzazione sulla difesa dei Diritti Umani.
“Dicono di Noi” lancia un messaggio universale scritto in risposta alle dichiarazioni dell’ex pontefice Benedetto XVI in cui le coppie omosessuali venivano considerate “una minaccia per la pace” e racconta la vera entità dell’amore, che va al di là del sesso, e che si esplicita nella cura reciproca.
scritto e girato da Cinti, un esperimento in cui Fabio si è cimentato, e un supporto al brano particolarmente significativo. Il messaggio lanciato è chiaro ed espresso esplicitamente attraverso il girato: la Chiesa e secoli di pregiudizi, impersonati da un cardinale di rosso vestito, cercano di ostacolare l’amore tra persone dello stesso sesso. Senza successo però: alla fine è il sentimento a vincere, unica forza universale che va al di sopra di ogni cosa.
A seguire il testo di Dicono di Noi. Il brano è contenuto nell’ultimo lavoro Madame Ugo uscito il 15 Ottobre per Mescal (distr. Self).
Dicono di noi
(Testo e Musica di Fabio Cinti)
Dicono che siamo la guerra
ma io combatterò solo le tue lacrime.
Dicono che siamo discordia
ma non li farò avvicinare
perché hanno l’odio nel petto.
Dicono che siamo contro natura
eppure i tuoi occhi somigliano tanto alle stelle
alla luce dei fiori, alla tigre, agli uragani.

Parlano di noi come della peste
ma non ti lascerò toccare da loro
perché non conoscono la tua purezza.
Ci hanno uccisi, derisi, assassinati
bruciati, confinati, ci hanno voltato le spalle
eppure tu conservi lo splendore delle onde.
E sarà che non c’è notte per loro
senza tormento
perché hanno gli occhi spenti.

Vorrei sulle tue ciglia
come i surfisti nei giorni di vento
volare.

Non siamo padri ma siamo figli
e siamo, l’uno per l’altro
l’indispensabile tenerezza di un abbraccio
e non moriremo mai
perché la bellezza e la verità
tengono in vita
per l’eternità.

Parlano così di noi perché non hanno figli
parlano così di noi perché non siamo i loro figli.

E mi domando perché
e mi sbaglio.
Siamo liberi:
questo li distrugge.

Vorrei sulle tue ciglia
come i surfisti nei giorni di vento
volare.

Guarda anche...

Fabio Cinti

Fabio Cinti: in arrivo il vinile di “Forze elastiche”

Dal 24 febbraio sarà disponibile il doppio vinile di “Forze elastiche”, con la splendida copertina …

Fabio Cinti: esce ‘Forze Elastiche’, il nuovo album

Esce oggi 20 settembre il nuovo album FORZE ELASTICHE. L’album sarà presentato l’8 ottobre a …

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi