Home | Tempo d'Europa | Azienda italiana tra i primi progetti finanziati dal piano Juncker
Lara Comi
Lara Comi

Azienda italiana tra i primi progetti finanziati dal piano Juncker

Bruxelles, 3 maggio 2015. La Banca europea per gli Investimenti e il Fondo europeo di Investimento hanno approvato i primi quattro progetti che riceveranno le garanzie legate al cosiddetto Piano Juncker da 315 miliardi per far ripartire l’economia europea. A renderlo noto è Lara Comi, vicepresidente del gruppo PPE al Parlamento europeo.

“L’Europa sta passando finalmente dalle tante parole ai primi fatti concreti. Come Parlamento europeo e come gruppo PPE stiamo facendo ogni sforzo per far partire il Piano Juncker il prima possibile, e questo è un passo piccolo ma molto significativo, come è molto significativo che una azienda italiana (Averdi) partecipi fin da subito non solo per innovare, anche e soprattutto per creare nuovi posti di lavoro”.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

 

Guarda anche...

Banca europea

250 milioni a FCA per i progetti in R&S

La Banca europea per gli investimenti (“BEI”) e Fiat Chrysler Automobiles (“FCA”) hanno perfezionato oggi …

lara-comi

Lara Comi: “Da Europa prova di coraggio e dignità per unica strategia di difesa comune”

“Oggi il Parlamento Europeo ha finalmente dato prova di coraggio e di dignità, chiedendo una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi