De Castro: il cibo non e’ fonte ne’ via di trasmissione del coronavirus

No a misure ingiustificate su commercio beni e agroalimentare

“Ce lo dicono tutte le autorità sanitarie: il cibo non può essere né fonte, né via di trasmissione del coronavirus”. Sulla base di questa certezza scientifica, dice Paolo De Castro, coordinatore S&D alla commissione Agricoltura del Parlamento europeo, ”dobbiamo lavorare per difendere l’integrità del mercato unico europeo e proibire qualsiasi misura non giustificata scientificamente che restringa la libera circolazione dei beni, e in particolare delle nostre eccellenze agroalimentari”.

Questa posizione, spiega De Castro, “è ribadita nel documento che abbiamo presentato all’Esecutivo Ue, firmato da tutti i parlamentari europei dem, sulle misure sanitarie e gli interventi inderogabili sul fronte economico che l’Europa deve urgentemente mettere in campo. Diciamo che sul coronavirus l’Europa deve cambiare, deve agire ora. Insomma, Bruxelles deve scuotersi e non l’ha fatto fino a oggi”.

“Sul cibo – afferma l’eurodeputato PD – le certezze scientifiche ci vengono in primo luogo dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), la quale ha espressamente affermato che ”non ci sono prove’ della trasmissione del virus tramite gli alimenti, ‘come è già avvenuto per la Sars e la Mers, le sindromi respiratorie acuta e mediorientale”. Non solo. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), ha confermato che la trasmissione del virus avviene ora ”da persona a persona”.

Dopo la sicurezza dei cittadini ora dobbiamo più che mai pensare alla salvaguardia dei nostri scambi commerciali, in particolare dei prodotti agroalimentari più deperibili e delle eccellenze alimentari, che come dice la ministra delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova, ”sono un elemento strategico per la competitività e il posizionamento globale del made in Italy”.

Confidiamo, conclude De Castro, ”nel mandato che la Commissione europea ha appena ricevuto dai Capi di stato e di governo per intensificare ulteriormente la risposta europea al Covid-19, e all’impegno che ha assunto di utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per assicurarsi che l’economia europea resista a questa crisi”.

Guarda anche...

bandiera europa

UE: Cozzolino-Gualmini (PD), con il primo via libera a React-EU già in arrivo i soldi del recovery fund

Primo via libera della commissione Sviluppo regionale del Parlamento europeo a React-Eu, la parte del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi