Claudio Baglioni

Claudio Baglioni riceverà il ‘Premio Giovani 2016’ a Collisioni

Torna il Premio Giovani di Collisioni – momento centrale del Festival – un riconoscimento assegnato dai ragazzi ogni anno a un artista italiano che abbia voluto e saputo associare alla qualità del suo lavoro, un impegno autentico a favore dei più deboli, dimostrandosi un modello non omologato e critico per le nuove generazioni. A ricevere questo riconoscimento per l’edizione 2016 sarà Claudio Baglioni, maestro riconosciuto della musica popolare italiana, ma anche Capitano Coraggioso e grande amante e conoscitore del mare, che quasi quindici anni fa, prima di ogni altro artista o intellettuale in Italia, volle impegnarsi in prima persona, chiamando a raccolta tanti amici e grandi colleghi della musica italiana e internazionale per testimoniare la necessità di partecipare con senso di responsabilità alla ricerca di vere soluzioni per la tragedia dei profughi che quotidianamente rischiavano e rischiano la vita nel Mediterraneo.

Grazie al festival di musica e arte O’Scia’ (che in dialetto lampedusano significa ” fiato mio – mio respiro “) è riuscito, con dieci anni consecutivi di rassegne, dibattiti e iniziative anche a Bruxelles e Malta, a focalizzare l’attenzione su quello che poi sarebbe diventato il problema centrale dell’Europa, e a portare sull’isola riflettori veritieri e diversi da quelli omologati che, ogni giorno, le tv e i media accendevano nelle case degli Italiani.

Il Premio di quest’anno segue lo spunto del titolo dell’edizione, “Strangers”, dedicata a tutti coloro che, in fuga da una guerra, dalla carestia o dalla povertà, si sono ritrovati, come Ulisse, naufraghi su una spiaggia lontana e additati come stranieri.

Iscriviti alla Newsletter (16370)

[post-marguee]
Claudio Baglioni
Claudio Baglioni
Claudio Baglioni
Claudio Baglioni
Claudio Baglioni
Claudio Baglioni
Claudio Baglioni
Claudio Baglioni
Claudio Baglioni
Descrizione

Guarda anche...

baglioni

Claudio Baglioni alla Festa del cinema di Roma

Uno spettacolo eccezionale per tempi eccezionali. È “IN QUESTA STORIA CHE È LA MIA”, l’opera-concerto …