Home | Cinema, TV e Spettacolo | PresaDiretta: lunedì 20 febbraio su Rai3 “Genitori a tutti i costi” e “Ghana stop tratta”

PresaDiretta: lunedì 20 febbraio su Rai3 “Genitori a tutti i costi” e “Ghana stop tratta”

Lunedì 20 febbraio alle 21.15 su Rai3 ancora una puntata di PresaDiretta con due diverse inchieste di grande attualità. Con “Genitori a tutti i costi” di Giuseppe Laganà, il programma entra nel complesso mondo delle adozioni internazionali all’indomani della denuncia della vicepresidente della Commissione Adozioni Internazionali sulla presunta compravendita di alcuni dei bambini che dal Congo sono arrivati in Italia negli ultimi anni. Un’inchiesta che ha portato le telecamere di PresaDiretta tra l’Italia, il Congo e la Bulgaria, per raccontare quanto può essere difficile il percorso delle coppie che vogliono adottare un bambino che arriva da un altro paese. E sono tanti: l’Italia infatti è il secondo paese al mondo, dopo gli Stati Uniti, per numero di adozioni internazionali. Se si vuole adottare un bambino di un altro Paese, ci si deve rivolgere obbligatoriamente a un Ente autorizzato dalla Commissione per le Adozioni Internazionali, che è l’organo di controllo che fa capo alla Presidenza del Consiglio. Il nostro è il paese con il più alto numero di Enti autorizzati, forse troppi. Sono 62, quasi tutti privati e dovrebbero assistere la coppia in tutte le fasi dell’adozione. Ed è proprio sulla qualità dei referenti esteri che si gioca la grande partita. Una partita che ha un bel valore economico se pensiamo che il giro d’affari delle adozioni internazionali è di circa 30 milioni di euro l’anno ed è un calcolo a ribasso, perché tiene conto solo dei costi per le procedure. Qualità, serietà e trasparenza sono requisiti fondamentali affinché l’esperienza unica dell’adottare un bambino che viene da un altro paese sia positiva per tutti. Ma non è sempre così.

La seconda inchiesta è “Ghana stop tratta” di Riccardo Iacona. Uno straordinario viaggio per capire come si può fermare o ridurre l’emigrazione e abbattere la tratta in uno dei paesi più poveri del continente africano, il Ghana. Un Paese dove la vita è sopravvivenza, intere zone sono senza acqua, senza corrente elettrica, senza strade, scuole, ospedali. Un paese dove ogni famiglia ha due o tre figli che sono dovuti andare via, che sono fuggiti per cercare un lavoro e aiutare i parenti. Il Ghana è diventato uno dei principali hub africani da cui partono ogni anno centinaia di migliaia di migranti. E’ possibile arginare il flusso migratorio da Paesi come questo senza distruggerne l’ambiente o le risorse naturali? In una parola, è davvero possibile “aiutarli a casa loro” come si sente spesso dire in questo periodo? La risposta è si, si può fare, a certe condizioni e c’è chi lo fa già.

E poi un nuovo appuntamento con le interviste di “Iacona incontra”. Uno scambio a tutto campo tra Riccardo Iacona e il presidente dell’Inps Tito Boeri. Sul tavolo i temi più attuali: la riorganizzazione dell’Istituto di Previdenza portata avanti dal presidente Boeri, una riflessione sulle strade per rendere più efficiente la Pubblica Amministrazione, le novità sull’Anticipo pensionistico e le domande ancora aperte sul futuro delle nostre pensioni.

Newsletter

Guarda anche...

Domenico-Iannacone

“I dieci comandamenti” di Domenico Iannacone, domenica 3 dicembre terzo appuntamento su Rai3

Domenica 3 dicembre terzo appuntamento della nuova stagione de “I dieci comandamenti” con LA CURA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi