Home | In News | Ostia. Tante iniziative e opportunità per sviluppare l’economia del mare

Ostia. Tante iniziative e opportunità per sviluppare l’economia del mare

Tante iniziative e opportunità per sviluppare l’economia del mare sono state presentate oggi presso la Casa del Mare di Ostia di RomaNatura. Una giornata di studio e confronto sui temi legati allo sviluppo sostenibile, ambientale ed economico delle risorse legate al mare: dalle opportunità del Fondo europeo Affari marittimi e Pesca (Feamp) alla pianificazione dello spazio marittimo, dall’Area marina protetta delle Secche di Tor Paterno al progetto Pesce a miglio zero e Slow Food.

“Attivare l’economia del mare può contribuire a offrire una reale opportunità di sviluppo, di occupazione e di coesione sociale”, ha dichiarato Carlo Hausmann, assessore regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca.

Il rilancio del settore della pesca e dell’acquacoltura avviene su più fronti. Il primo fra tutti è l’utilizzo del Feamp, che prevede circa 16 milioni di euro, e su cui siamo a un ottimo punto grazie alla proficua collaborazione con il Mipaaf. A oggi abbiamo aperto i bandi più importanti, per un impegno di spesa complessivo di circa 7,7 milioni di euro, quasi la metà dell’intera dotazione.

Gli investimenti attivati riguarderanno:
attività dei Gruppi di Azione locale del settore Pesca (Flag), con oltre 2,1 milioni di euro;
trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura con 2,2 milioni di euro;
miglioramento dei porti, dei luoghi di sbarco, delle sale per la vendita all’asta e dei ripari di pesca con circa 1,3 milioni di euro;
investimenti produttivi per il settore acquacoltura con 1,7 milioni di euro;
commercializzazione e promozione sui prodotti sostenibili della pesca e dell’acquacoltura con circa 350mila euro.

“Si tratta di aiuti – ha spiegato Hausmann – che sostengono progetti innovativi, capaci di mettere in moto un sistema integrato di sviluppo in chiave sostenibile, ambientale e soprattutto economico. Naturalmente per giungere a questi obiettivi fondamentale è il ruolo delle imprese, la loro capacità di lavorare in un’ottica multifunzionale e collettiva. Dobbiamo immaginare il settore della pesca non come un comparto a sé stante, ma come parte di un sistema capace di comunicare con altri settori come l’acquacoltura, il turismo, l’offerta enogastronomica, i servizi locali, le infrastrutture. Su questa strategia – ha concluso – siamo tutti chiamati a lavorare”.

“Chi pensa bene, mangia bene e viceversa. L’Arsial – spiega Antonio Rosati, amministratore unico di Arsial – come braccio operativo dell’assessorato ha il compito di promuovere le eccellenze. L’economia del mare nel suo complesso vale nel Lazio 17,5 miliardi di euro, occupa 114mila persone e coinvolge 31mila aziende, di cui 3.253 nella filiera corta. Amo parlare di “economia di prossimità”, quello che Papa Francesco chiama nuovo umanesimo, nel settore della pesca come in tutti i settori agroalimentari. Il nostro obiettivo – ha aggiunto Rosati – è mettere in rete le donne e gli uomini, che sono parte del sistema a diversi livelli, per cooperare per competere”.

 

Newsletter

Guarda anche...

Sal Da Vinci

Sal Da Vinci in “Sinfonie in Sal Maggiore” al Teatro Brancaccio di Roma

Il 23 febbraio Sal Da Vinci è di scena al Teatro Brancaccio di Roma con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi