Home | In News | Balneari del 2034: come disegnare il futuro

Balneari del 2034: come disegnare il futuro

15 anni per lanciare nuove prospettive di sviluppo del settore dell’offerta turistico-balneare italiana, tra erosione costiera, canoni pertinenziali, IVA e TARI.

Nelle assemblee degli imprenditori balneari svoltasi oggi nelle Marche, a Porto San Giorgio (FM) e Camerano (AN), il presidente nazionale del S.I.B./FIPE-Confcommercio, Antonio Capacchione, ha sottolineato la necessità di una alleanza della balneazione attrezzata italiana con le Istituzioni per una nuova stagione di crescita e sviluppo del turismo italiano.

I balneari chiedono alle Istituzioni locali, regionali e nazionali di rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno dispiegarsi delle capacità e della voglia di fare delle proprie imprese, da troppo tempo compresse da una errata interpretazione della normativa comunitaria.

È stato un colossale errore, nel nome dell’Europa, aver ‘stupidamente’ precarizzato un intero settore economico, strategico e vitale del nostro Paese.

L’Europa è la Patria del diritto al lavoro, alla proprietà aziendale, alla tutela del legittimo affidamento e cioè a tutelare la buona fede di coloro che hanno stipulato un contratto con lo Stato confidando in una stabilità aziendale e di lavoro.

Sono stati i nostri antichi giuristi a insegnare al mondo intero che i contratti vanno rispettati: ‘pacta sunt servanda’.

La nuova durata delle concessioni demaniali va nella giusta direzione, ma non basta assolutamente. Bisogna sottrarre completamente e definitivamente il settore dal rischio della pubblica evidenza, affinché riprenda a ‘correre’ spazzando via la concorrenza che proviene dagli altri Paesi del Mediterraneo.

I balneari italiani, nella loro lunga e gloriosa storia, hanno già dimostrato di esserne capaci. Spetta alle Istituzioni del nostro Paese dare prova di essere all’altezza del compito che la situazione impone.

Tra i partecipanti alle riunioni marchigiane, oltre ad Antonio Capacchione e Romano Montagnoli, referente del Sindacato per le Marche centrali, sono intervenuti, tra gli altri: l’Assessore regionale al Turismo, Moreno Pieroni; il Sindaco di Numana, Gianluigi Tombolini; l’Assessore alla Protezione Civile del Comune di Ancona, Stefano Foresi; il Dirigente Commercio al Comune di Ancona, Giacomo Circelli; il funzionario del demanio al Comune di Senigallia, Roberto Garbin; il Capitano di Vascello CP, Tosti Angelo; l’Assessore LL.PP al Comune di Potenza Picena Luisa Isidori; l’Assessore al Demanio del Comune Porto Recanati, Piergiorgio Toschi; l’Assessore al Demanio del Comune di Porto San Giorgio, Massimo Silvestrini; il Sindaco di Porto San Giorgio, Nicola Loira; il Sindaco di Porto Sant’Elpidio, Nazareno Franchellucci; il vicesindaco del Comune di Pedaso, Carlo Bruni; l’Assessore all’Urbanistica e Demanio del Comune di Fermo, Francesco Nunzi; il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del mare adriatico centrale, Rodolfo Giampieri; Stefania Tibaldi, Catasto regionale delle concessioni.

Newsletter

Guarda anche...

Giornata nazionale dei Balneari italiani 2019

Giornata nazionale dei Balneari italiani 2019

Dopo il grande successo della scorsa edizione, torna, domenica 25 agosto, la “Giornata nazionale dei …

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi