Home | In News | Capacchione all’assemblea regionale degli imprenditori balneari abruzzesi

Capacchione all’assemblea regionale degli imprenditori balneari abruzzesi

Molti comuni costieri italiani dovrebbero prendere esempio da loro. In Abruzzo, su 19 comuni, solo due non hanno ancora  applicato la nuova durata di quindici anni.

Il presidente nazionale del S.I.B./FIPE-Confcommercio, Antonio Capacchione, è intervenuto all’assemblea regionale dei balneari abruzzesi aderenti che si è svolta a Pescara presso la sede regionale della Confcommercio.

L’Abruzzo non solo è la prima Regione che ha emanato una circolare applicativa della nuova durata delle concessioni demaniali marittime, ma è anche quella in cui quasi tutti i comuni l’hanno formalizzato sui singoli titoli.

Sono, infatti, solo due i comuni ancora in ritardo e, al riguardo, si è colto l’occasione della presenza del Presidente della Giunta Regionale, Marco Marsilio, per chiedergli di intervenire sugli stessi affinché si adeguino a quanto già fatto da tutti gli altri.

È opportuno che tutti i comuni costieri italiani, che sono ancora in un imbarazzante ritardo nell’applicazione doverosa della legge dei quindici anni, si adoperino al più presto per la formalizzazione della nuova durata, anche al fine di evitare uno svantaggio competitivo dei balneari che operano nei territori di loro competenza rispetto a quelli dei comuni più diligenti e tempestivi.

Così come è necessario che lo Stato, anche attraverso l’emanazione di una circolare nazionale chiarificatrice e vincolante, eviti una disparità di trattamento fra concessionari che hanno già avuto l’estensione della durata e quelli che la stanno ancora aspettando.

Il presidente Capacchione nel suo intervento ha ricordato che la nuova durata non ha risolto la questione della Direttiva Bolkestein, la cui applicazione al settore va scongiurata definitivamente, e ha sottolineato che la messa in sicurezza amministrativa delle concessioni non risolve i problemi dei balneari anche abruzzesi.

Il fenomeno erosivo merita un’attenzione maggiore e diversa con procedure celeri e risorse adeguate su progetti efficaci. A ciò si aggiungano i costi crescenti che stanno erodendo i bilanci degli imprenditori balneari: dall’IVA  (la cui aliquota ordinaria è più del doppio di quella applicata alle altre imprese turistiche), all’IMU (sconcerta che la paghino i concessionari balneari e non le multinazionali per gli impianti di gassificazione  o le piattaforme petrolifere); dalla TARI (anche per periodi e spazi improduttivi di rifiuti), ai canoni pertinenziali che aspettano ancora di essere eliminati.

L’iniziativa del S.I.B., pertanto, continuerà a tutela di una categoria di onesti lavoratori da troppo tempo ingiustamente dimenticata e maltrattata dalle Istituzioni. L’affollata assemblea è stata introdotta dal presidente regionale del Sindacato, Riccardo Padovano, e ha visto la partecipazione, oltre al presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, del sindaco di Pescara, Carlo Mascia, di diversi sindaci e consiglieri regionali, nonché dei rappresentanti della Direzione Marittima abruzzese.

Guarda anche...

Capacchione: i comuni sono obbligati ad applicare la nuova durata di quindici anni prevista dalla legge. Lo ha stabilito una recente sentenza del TAR di Catanzaro

La sentenza del TAR di Catanzaro, nr. 1742/2019 del 16 ottobre 2019 ha dichiarato l’illegittimità …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi