carla fracci

Carla Fracci: l’ultimo grand jeté

Non fu mai una metamorfosi evidente quella che accompagnò la sua esistenza; quasi come se, da sempre farfalla senza aver vissuto il parto doloroso da bruco a crisalide, il corpo diafano della Fracci non fosse nato per toccare matericamente il suolo del pianeta ma lo avesse – un po’ come fu per l’immenso Nureyev – solo flebilmente ma poderosamente sfiorato.

E così, dispiegando mani poetiche e gambe affusolate, ha scelto l’ultimo decollo, “…verso l’infinito e oltre”, la libellula della danza il cui battito d’ali ha abbracciato il mondo, lasciando come eterea impronta – non nel suolo ma armoniosamente percepibile sul palco – un vibrante, perenne fremito.

Quello stesso ritornatole negli applausi scroscianti dei cuori che, in oltre mezzo secolo, hanno avvolto di affetto la sua incommensurabile, immortale Arte.

Buon volo, candida Carla.

Guarda anche...

fracci

E’ morta Carla Fracci l’étoil della danza

Grave lutto nel mondo della danza per la scomparsa di Carla Fracci, étoile tra le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.