Rapporto UNICEF su bambini greci
Rapporto UNICEF su bambini greci

Rapporto UNICEF su bambini greci: 597.000 poveri o emarginati


23 maggio 2013- Il Comitato nazionale greco per l’UNICEF ha presentato il nuovo rapporto “La condizione dei bambini in Grecia 2013″ realizzato in collaborazione con l’Università di Atene.
Questi i principali dati del rapporto:
La povertà infantile in Grecia
• L’indicatore di povertà “o di esclusione sociale ” nel 2011 ha riguardato 597.000 bambini, cioè il 30,4%, con un incremento del 9,1% rispetto al 2010.
• La percentuale di bambini che vivevano in ‘condizioni di accumulo di disagio multiplo “, ossia con: famiglie colpite da povertà, da grave deprivazione materiale e da scarsità di lavoro, nel 2011, è pari al 3,5%; il numero è drammaticamente aumentato a 69.000 bambini rispetto ai 12.000 bambini nel 2010.
• La persistenza della povertà nei bambini è in aumento in questi ultimi anni. L’aumento è soprattutto sentito nelle fasce di reddito più povere ed è stimato al 21,4% sulla base del 60% del reddito disponibile.
• La percentuale di bambini che vivono in famiglie in cui nessuno lavora è pari al 9,2% nel 2011 ed è aumentato di 2,9 punti percentuali tra il 2010 e il 2011.
• In Grecia, secondo gli ultimi dati del 2011, la povertà infantile ha avuto un piccolo aumento (0,7 punti), pari al 23,7%; il numero di bambini poveri è pari a 465.000.
Condizioni di vita-consumi
• Il 16,4% di tutti i minori vive in famiglie con “grave deprivazione materiale ‘, che corrisponde a 322.000 bambini; il numero è aumentato di 89.000 persone, con un aumento percentuale del 38,2% tra il 2010 e il 2011. Il corrispondente aumento percentuale tra il 2010 e il 2011 per la fascia di età 6-11 raggiunge il 46,7%.
• Il 50,8% delle famiglie con figli si dichiara impossibilitata a permettere una settimana di vacanza.
Il 37,2% lotta per pagare le bollette, le rate delle carte di credito e i prestiti; il 34,5% dichiara la propria difficoltà a poter coprire spese non programmate.
I bambini immigrati
• Nel 2011 sono stati concessi un totale di 549.604 permessi di soggiorno per gli immigrati in Grecia, il 21% di questi casi (115.319 persone) erano minori sotto i 14 anni; l’ 84,5% di questi bambini provengono dall’ Albania.
• Negli ultimi anni è cresciuto un flusso di emigrazione dalla Grecia verso l’esterno. Dal 2008 sono emigrati dal paese 357.820 persone, di cui 52.299 hanno meno di 19 anni e 36.466 hanno meno di 14 anni, ossia rispettivamente il 14,6% e 10,2%.
• Per il 2011 sono stimate intorno a 29.000 le persone fino ai 19 anni e 21.000 bambini fino a 14 anni che hanno migrato da e per la Grecia; i bambini molto piccoli fino a 4 anni costituiscono un terzo del totale.
• I giovani arrestati per ingresso e soggiorno illegale in Grecia tra il 2006 e il 2012 ammontano a 83.487, una cifra che rappresenta il 10,6% di tutti gli immigrati clandestini arrestati.
• Le domande di asilo dei minori nel 2012 (510) mostrano una diminuzione significativa rispetto al 2008.
Sicurezza – Protezione e la delinquenza minorile
• I bambini in Grecia appaiono più a rischio di incidenti rispetto alla media dell’Eurozona. Il tasso di mortalità da incidenti connessi al trasporto e al movimento nel 2010 per i ragazzi tra i 15 e i 19 anni era 17,8, mentre la media dei paesi UE è 9.2.
• La delinquenza giovanile è aumentata notevolmente – del 53,4% – soprattutto tra il 2010 e il 2011, mentre gli autori di reati di età compresa tra 9 e i 13 anni sono aumentati del 58%.
• La maggior parte dei delinquenti minorenni sono di sesso maschile (87,1%), mentre i due terzi sono stranieri. Le loro azioni non si riferiscono a un tasso del 72,2% per furti in cui sono direttamente coinvolti o complici. La maggior parte degli episodi delinquenziali si registra in periferia, non nei centri urbani.

La salute dei bambini
• La percentuale di famiglie con bambini al di sotto della soglia di povertà che dichiarano la propria impossibilità ad includere nel menu di ogni giorno carne, pesce, pollo o verdure è passata dal 21,6% del 2010 al 44,3% nel 2011.
• Le famiglie con figli a carico non possono permettersi di soddisfare le necessità di riscaldamento sono aumentate dal 14,8% del 2010 al 19,3% nel 2011 e le famiglie povere con figli a carico dal 37,1% al 39,7% nei rispettivi anni.
• il 25,4% delle famiglie con bambini in Grecia sono esposte a problemi ambientali (inquinamento, contaminazione, ecc.) nella propria zona di residenza; la Grecia al secondo posto in Europa, ben al di sopra della media dell’Unione europea (15%).
• I costi per la salute sono scesi al 6% del PIL nel 2011 dal 7,4% del 2009, mentre per i servizi ospedalieri dal 3,6% al 3% . Queste restrizioni possono influenzare soprattutto gli strati economici più bassi, dove il 10,1% nel 2011, hanno dichiarato la propria incapacità a coprire le visite mediche.
Il diritto dei bambini ad un corretto sviluppo
• Negli ultimi anni l’aumento percentuale di individui che hanno completato l’istruzione secondaria e terziaria non ha determinato una regolare transizione nel mercato del lavoro. Il momento di transizione dalla scuola al mercato del lavoro, così come i tassi di occupazione delle persone che hanno completato l’istruzione secondaria / post-secondaria e terziaria, registrano uno scostamento significativo rispetto agli altri paesi UE
• Sono notevoli gli alti tassi di disoccupazione giovane di età compresa tra 15-24 anni (55,3% nel 2012 e 64,2% nel mese di febbraio 2013) e percentuali ancora più elevate di bambini di età compresa tra 15-18 anni (61,3% nel 2012 ). I disoccupati nella fascia di età 15-18 anni sono il 73,2% (con un incremento di 35,1 punti percentuali).


Guarda anche...

Unicef scuola

La guerra in Ucraina ha bloccato l’istruzione

L’UNICEF oggi ricorda che la guerra in corso in Ucraina ha interrotto l’istruzione di oltre …