whistleblowing

Whistleblowing e diritti umani, non un concetto astratto ma obiettivo da raggiungere

Bruxelles, 20 novembre 2016. Ha avuto luogo al Parlamento europeo di Bruxelles l’iniziativa “Diritti Umani e Whistleblowing, una legislazione che protegga le vittime”, ospitata dall’eurodeputata Elly Schlein (S&D – Possibile) e promossa da “A change of Direction”, dal gruppo S&D e dall’Intergruppo parlamentare ITCO che si occupa di trasparenza e anticorruzione.

“Sono felice di aver ospitato l’evento – ha dichiarato l’eurodeputata – E’ un’occasione per rilanciare la battaglia del nostro Intergruppo ITCO per una direttiva europea che fissi standard minimi di protezione dei whistleblower. Sono solo otto i paesi europei che hanno una normativa compiuta, negli altri è limitata o inesistente. I recenti scandali, da LuxLeaks ai Panama Papers, hanno dimostrato che il ruolo dei whistleblower nella lotta alla corruzione, all’evasione fiscale e alla criminalità organizzata è fondamentale. Trattandosi di crimini sempre più transnazionali, che intaccano un vero e proprio interesse pubblico europeo, si rende necessaria una risposta europea, che includa la tutela di chi parla, e che troppo spesso viene lasciato solo, quando non addirittura discriminato o criminalizzato. La vicenda di Andrea Franzoso, che ha denunciato una serie di illeciti riguardanti la gestione di Ferrovie Nord Milano, ne è un esempio eclatante: ci vogliono canali sicuri e tutela contro ogni forma di ritorsione o discriminazione. E’ tempo che l’Unione europea chiarisca da che parte sta nella lotta contro corruzione, evasione e mafie”.

Andrea Franzoso, whistleblower, consulente e attivista di “Riparte il futuro” – ha denunciato una serie di irregolarità nella gestione di Ferrovie Nord Milano che hanno portato alle dimissioni del Presidente della società, poi rinviato a giudizio – ha sottolineato che “whistleblowing e diritti umani non è un concetto astratto. È un obiettivo che ci poniamo di raggiungere a breve termine. L’appuntamento di oggi è importante perché vogliamo lanciare il sasso nello stagno europeo. Stagno fatto di stalli, di veti e di mancanza di visione. L’Europa può crescere se rinnova i suoi ideali primari, tra cui la trasparenza e la giustizia”.

Facendo riferimento ad Ana Garrido Ramos e a Srecko Sladojev, due whistleblower rispettivamente spagnola e croato (vedi Tempo d’Europa del 10 novembre scorso), Andrea ha puntualizzato che “io e le altre due persone che sono intervenute oggi a Bruxelles non siamo ‘eroi borghesi’, come verrebbe facile dire usando una definizione ormai abusata. Siamo persone che hanno fatto semplicemente il loro dovere. Quello che chiediamo con forza è che chi -come noi – non gira la testa dall’altra parte sia tutelato in tutti gli ordinamenti degli Stati membri dell’UE, attraverso una normativa uniforme comunitaria. È un diritto minimo. Primario. È un diritto umano. L’obiettivo di una normativa prima nazionale e in un secondo livello europeo è la fase uno. La fase due la lanciamo già ora, e vedrà come interlocutore le Nazioni Unite. Diritto umano vuol dire automaticamente universale. È un diritto che deve essere valido e pacifico a nord a sud, a est a ovest, ovunque. Siamo visionari? Forse. Questo mondo si cambia con le idee e gli ideali. Non con le difese di particolarismi e di decimali del PIL”.

Nell’ambito dell’evento è stato presentato il progetto europeo “A change of Direction”, finanziato dalla Direzione Affari interni della Commissione europea, che vede coinvolte Ong e università europee, tra cui “Riparte il futuro”.

Newsletter

Guarda anche...

Coordinamento Nazionale Diritti Umani

Giornata mondiale della giustizia sociale del 20 febbraio 2020

Istituita nel 2007 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la risoluzione A/RES/62/10, pone l’attenzione sull’importanza …