bandiera europa

Fondi alle Regioni per affrontare le conseguenze Covid

Fondi per progetti dal 1° febbraio 2020 fino a fine 2023 Risorse REACT-UE erogate attraverso i Fondi strutturali dell’UE. Priorità ai più colpiti dalla crisi. I deputati hanno dato il via libera a aiuti UE extra per le regioni, in risposta alla pandemia di COVID-19 e alle sue conseguenze sociali e sanitarie.

Il Parlamento ha approvato REACT-EU, un pacchetto da 47,5 miliardi di euro per contribuire a mitigare gli effetti immediati della crisi di COVID-19 nelle regioni dell’UE. L’iniziativa è stata approvata con 654 voti favorevoli, 23 contrari e 17 astensioni.

Gli aiuti saranno erogati attraverso i Fondi strutturali dell’UE. Sono stati stanziati 37,5 miliardi di euro per il 2021 e 10 miliardi di euro per il 2022. Le operazioni di REACT-EU sono ammissibili al finanziamento dal 1° febbraio 2020, con effetto retroattivo. Le risorse possono essere spese fino alla fine del 2023.

I paesi UE potranno destinare parte delle risorse al Fondo sociale europeo, al Fondo per gli aiuti europei agli indigenti (FEAD), all’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile e ai programmi transfrontalieri (Interreg). Gli investimenti si concentreranno sui settori più colpiti dalle ripercussioni economiche della pandemia.

REACT-EU è una proposta della Commissione europea per affrontare l’impatto economico e sociale della pandemia di COVID-19. Si tratta di una modifica del regolamento sulle disposizioni comuni, che disciplina il periodo di programmazione della politica di coesione 2014-2020.

Fa seguito a due precedenti proposte relative alla politica di coesione: l’Iniziativa di investimento in risposta al coronavirus (CRII) e l’Iniziativa di investimento in risposta al coronavirus Plus (CRII+), che hanno entrambe modificato le norme sulla spesa regionale per agevolare la ripresa. Le risorse per REACT-EU verranno da Next Generation EU, lo strumento dell’Unione europea per la ripresa.

Guarda anche...

corte dei conti

La risoluzione bancaria nell’UE

La risoluzione bancaria nell’UE: panoramica e valutazione della Corte delle informative sui rischi 2020 La …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.